Gli archeologi dell’Università di Varsavia analizzano come vivevano le persone nell’antica Dongola

Nelle case dell’antica Dongola (Sudan), la maggior parte delle faccende domestiche venivano svolte negli spazi condivisi di vestiboli o cortili, dove si cucinava, si trascorreva il tempo e si tenevano gli animali. La forma delle case non è cambiata nel corso dei secoli, diversamente dalla funzione delle stanze, come hanno scoperto gli scienziati della CAŚ UW.

L’antica Dongola fu la capitale del Regno di Makuria, uno degli stati più importanti del Medioevo africano, dal V al XIV secolo. Si trovava in una terra storica chiamata Nubia, situata in quello che oggi è conosciuto come Egitto e Sudan. I ricercatori del Centro di Archeologia Mediterranea dell’Università di Varsavia stanno analizzando il processo di trasformazione della città da importante centro cristiano a città islamica nel periodo compreso tra il XIV e il XIX secolo.

Uno degli elementi del loro lavoro è stato quello di analizzare diverse case esistenti a Dongola nel corso di quattro secoli (XIV-XVII secolo). Volevano sapere come erano le case a quel tempo e come erano organizzati lì lo spazio abitativo e la vita quotidiana.

“La sfida principale era il fatto che nella maggior parte dei casi non c’erano strumenti conservati all’interno delle case che indicassero per cosa veniva utilizzato lo spazio”, afferma il dottor Maciej Vijul del Centro di Archeologia Mediterranea presso l’Università delle Scienze di Varsavia in Polonia. .

I ricercatori hanno deciso di utilizzare l’analisi multicomponente dei pavimenti di diverse case. Hanno preso alcuni grammi dello strato superiore del substrato. Hanno descritto i risultati in diverse pubblicazioni, più recentemente Indietro Nel Journal of Archaeological Science: Rapporti.

“Il metodo stesso si basa sul presupposto che le attività umane, anche invisibili nei restanti materiali archeologici, lasciano una traccia identificabile multi-elemento. Tutte le attività domestiche: cucinare, allevare animali, pulire, dormire – tutto questo dovrebbe riflettersi nel multi -elemento.” “Composizione elementare dei pavimenti e delle altre aree utilizzabili” – descrive l’autore dello studio, il dott. Wyżgoł.

READ  Dove si trova la città più grande del mondo? Un'area più grande della Polonia

La casa analizzata dagli scienziati nell’ultimo studio è composta da un vestibolo, un cortile, una zona giorno e notte e un ripostiglio. Secondo le analisi, la maggior parte della vita si svolgeva nel vestibolo.

Fonte: Dott. Maciej Vijul

“Si scopre che nella parte centrale del vestibolo sono state trovate concentrazioni molto elevate di elementi: fosforo, potassio, ferro, che fanno parte dei tessuti vegetali e animali. Ciò indica che le attività domestiche, cucinare, cucinare e trascorrere del tempo,. ” e gli animali venivano tenuti lì. Ciò ci rende “un po’ sorprendenti perché analisi precedenti di altre case indicavano che molte attività domestiche si svolgevano nel cortile. Tuttavia, nel caso dell’ultima casa da noi esaminata, il cortile era uno spazio di transizione, il ‘ingresso alla casa’”, descrive lo scienziato. Archeologia.

“Il metodo stesso si basa sul presupposto che le attività umane, anche invisibili nei restanti materiali archeologici, lasciano una traccia identificabile multi-elemento. Tutte le attività domestiche: cucinare, allevare animali, pulire, dormire – tutto questo dovrebbe riflettersi nel multi -elemento.” “Composizione elementare dei pavimenti e delle altre aree utilizzabili” – descrive l’autore dello studio, il dott. Wyżgoł.

Tuttavia, sottolinea, è attualmente difficile determinare con maggiore precisione, ad esempio, dove veniva mangiata la carne e dove veniva cotta, perché lo schema iniziale di queste attività è molto simile.

L’eccezione è lo spazio in cui potresti aver dormito. Non è stata registrata alcuna concentrazione di elementi lì. Ciò significa che erano destinati ad attività “pulite” che non lasciavano sporco.

Questa stanza è dotata di panchine in mattoni di fango, costruite dietro un muro marrone proprio accanto alla porta. Separa visivamente lo spazio interno dall’esterno. Dal punto di vista architettonico, questa soluzione consente di mantenere la privacy dei residenti e indica anche che lo spazio può essere descritto come una camera da letto.

READ  Tecnologia, architettura e scienza » zywiec112.pl

“La casa descritta nell’articolo era costituita da un corridoio che portava dalla strada al cortile, dove – come abbiamo scoperto – non succedeva molto. Poi dal cortile c’era un corridoio che portava al vestibolo, dove si svolgeva gran parte della vita quotidiana”. Dall’atrio si passava in una stanza pulita, molto probabilmente una camera da letto, e nella zona del magazzino dove venivano conservati i vari prodotti”, descrive l’intervistatore di Nauka w Polsce.

Quasi tutte le case sembrano uguali, tranne la cosiddetta Casa del Re, che si distingue dalle altre. Le case esaminate dagli archeologi si trovano nel centro della città, separate dal resto dalla cinta muraria.

L’archeologo sottolinea che la forma di queste case offriva grandi opportunità per diversi usi dello spazio della casa. Pertanto, i cambiamenti sociali e religiosi avvenuti nel corso dei secoli nell’antica Dongola, legati al passaggio dal cristianesimo all’Islam, non furono legati a cambiamenti nella forma delle famiglie. Tuttavia, il modo in cui venivano utilizzate le parti potrebbe essere cambiato. “In molte delle case che abbiamo esaminato in precedenza, i cortili venivano utilizzati diversamente, ad esempio dove si preparava il cibo o si tenevano gli animali”, spiega.

Coautore della pubblicazione sul Journal of Archaeological Science: Reports è il Prof. Barbara Wronko della Facoltà di Geologia, Università di Varsavia. Questa ricerca è collegata a una ricerca più ampia progetto “UMMA – Trasformazione urbana di una comunità metropolitana africana medievale”, è stata condotta in Sudan sotto la supervisione del Dr. Artur Obloski, Professore presso l’Università di Varsavia e Direttore del Centro di Archeologia Mediterranea presso l’Università di Varsavia è stato condotto nell’ambito di una sovvenzione Preludium del National Science Center.

READ  Mercoledì inizia la primavera astronomica

La scienza in Polonia, Ewelina Krajczynska-Wojek

Aker/otto/

La Fondazione PAP consente la ristampa gratuita degli articoli dal sito web Nauka w Polsce, a condizione che ci informiate via e-mail una volta al mese sull’utilizzo del sito web e forniate la fonte dell’articolo. Sui portali e sui siti web si prega di includere il seguente link: Fonte: Naukawpolsce.pl, e nelle riviste, spiegazioni: Fonte: Nauka w Polsce – Naukawpolsce.pl. Il permesso di cui sopra non si applica a: informazioni della categoria “Mondo” ed eventuali fotografie e materiale video.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto