Antoni Boleslaw Dobrowolski, pioniere della glaciologia, morì 70 anni fa

70 anni fa, il 27 aprile 1954, moriva Antoni Boleslaw Dobrowolski, uno dei primi esploratori polari polacchi e pioniere della criogenia, cioè la scienza del ghiaccio. A lui prende il nome la stazione antartica polacca abbandonata, situata in Antartide.

“Antoni Bolesław Dobrowlski è una personalità straordinaria: scienziato, attivista sociale ed educatore, è uno dei primi esploratori polari polacchi insieme a Henryk Arktowski. Ha anche partecipato all'organizzazione delle prime spedizioni polari polacche all'Isola degli Orsi e a Spitsbergen Accademia Polacca delle Scienze, divulgatrice della conoscenza sulla scienza polare polacca, “Siamo negli anni '30”.

Dobrowolski è considerato un pioniere della criologia, cioè la scienza del ghiaccio. “È autore della monografia unica 'La storia naturale del ghiaccio', che è la summa delle sue ricerche sulla neve e sul ghiaccio. L'anno scorso abbiamo celebrato il centenario della pubblicazione di quest'opera (1923) e la sessione polacca del A questo anniversario è stato dedicato il Congresso Internazionale della Società del Circolo Polare Artico in Islanda ” – ha aggiunto Bożek.

“La storia naturale del ghiaccio” è uno studio di diverse centinaia di pagine – l’unico del suo genere nella letteratura scientifica polacca. Il soggetto principale dei lavori geofisici di Dobrolski era il ghiaccio, generalmente inteso come la fase solida dell'acqua. Il suo risultato fu quello di affermare che una molecola d'acqua quando solidificata cristallizza sempre in quella che viene chiamata forma esagonale. Lo scienziato ha esaminato diversi tipi di ghiaccio e le condizioni per la sua formazione e ha concluso che esiste una forma base costante di cristallo.

Antoni Boleslaw Dobrolski nacque il 6 giugno 1872 a Dworszowice Kościelne vicino a Radomsko in una famiglia di contadini. Studiò bene e si mantenne dando lezioni private. Si diplomò al liceo di Varsavia e poco dopo il diploma di scuola superiore (1891) fu arrestato dalle autorità zariste per attività cospirative giovanili sotto la bandiera del socialismo.

READ  La decisione è stata presa. Sappiamo cosa succede con un libro rilegato in pelle umana

È riuscito a scappare. Nel 1895 Dobrowolsky si ritrovò a Zurigo, dove studiò scienze naturali, filosofia e psicologia. Un anno dopo si trasferì a Liegi (Belgio), dove studiò biologia e zoologia. Lì completò la sua istruzione superiore in due fasi: nel 1897 e nel 1900.

“Il suo ulteriore destino fu deciso decisamente dal caso. Tutto iniziò con la visita ad Anversa di Henrik Arktowski, suo amico dai tempi della scuola. Gli fu offerto di prendere parte alla spedizione antartica belga sotto Adrien de Gerlach, che Arktowski avrebbe dovuto affrontare il 21 agosto 1897, Dobrowolsky si unì all'equipaggio prima come marinaio normale, poi lavorò come assistente scientifico, assistendo Arktovsky nelle sue ricerche e facendo anche le sue osservazioni su nuvole, ghiaccio e neve durante la spedizione pubblicato postumo nel 1962 con il titolo “Memorie di una spedizione in Antartide” – Dagmara Busek descrive il suo destino.

Al ritorno dalla missione, iniziò il lavoro scientifico, prima in Belgio, e dal 1907 in Polonia. La sua partecipazione e le sue attività hanno contribuito notevolmente allo sviluppo della scienza e dell'istruzione polacca.

Dobrowolski morì il 27 aprile 1954 a Varsavia. C'è un'iscrizione sulla sua lapide: “Partecipante alla spedizione belga in Antartide 1897-1899, creatore e combattente costante per la diffusione della scienza e dell'arte”.

Un ghiacciaio e un picco sull'isola di King George nell'Antartide occidentale prendono il nome da Dobrowolski.

Inoltre, a lui prende il nome la Stazione Antartica Polacca, la più antica struttura di ricerca polacca in Antartide e l'unica situata nell'Antartide continentale (la seconda struttura polacca in questa regione è la Stazione Antartica Polacca Henryk Arktowski, una stazione scientifica e di ricerca sull'A. unità aperta tutto l'anno situata sull'isola di King George nell'arcipelago delle Shetland meridionali).

READ  Il Large Hadron Collider non è per i russi. Il CERN sospende la sua collaborazione

Gli edifici della stazione furono costruiti nel 1957 dall'Unione Sovietica e donati insieme alle attrezzature alla Polonia come stazione Oasis nel dicembre 1958. Tecnicamente fu acquistata dall'Accademia polacca delle scienze nel gennaio 1959. Fu poi ribattezzata Stacja im. AP Dobrowolsky.

La stazione è inutilizzata dal 1987. Nel 1991 l'impianto è stato ceduto in prestito all'Istituto di Geofisica dell'Accademia Polacca delle Scienze per lo svolgimento di attività scientifiche. Nel 2019, il Ministero della Scienza e dell'Istruzione Superiore ha concesso fondi all'Istituto di Geofisica dell'Accademia Polacca delle Scienze per rivitalizzare la stazione.

Nella stagione estiva antartica 2021/2022, la stazione è stata visitata dalla Quarta Spedizione Geofisica organizzata dall'Istituto di Geofisica dell'Accademia Polacca delle Scienze, che è l'operatore della stazione. Il suo scopo era determinare lo stato tecnico e il potenziale di ricerca di possibili future spedizioni polacche.

Quattro scienziati (Monika M. Kuciak, Wojciech Miluch, Adam Norot e Marek Lewandowski – ideatore del progetto e leader della spedizione) hanno sistemato la base e i suoi dintorni e hanno svolto ricerche geofisiche, ambientali e geologiche.

“Attualmente la stazione di Dobrowolskiego è dotata di un generatore di corrente, un forno diesel, una toilette elettrica a combustione, letti, tavoli, una cucina elettrica, cibo liofilizzato e acqua potabile prelevata dal vicino lago Vigoroye. La stazione può funzionare stagionalmente. (durante l'estate continentale) Antartide), così come durante tutto l'anno, con siti predisposti per l'installazione di apparecchiature di misurazione automatica”, ha affermato il capo della spedizione, il professor Prof. Marek Lewandowski dell'IGF PAN. (porta)

La scienza in Polonia, Agnieszka Kliks-Pudlik

Giustizia e Sviluppo / Lo farò /

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto