Lubelskie/ Spilla in bronzo risalente a 2,5 mila anni fa, trovata dal ricercatore vicino a Śniatycze

Un frammento enorme, vale a dire una spilla in bronzo risalente a 2,5 mila anni fa. Anni fa, il ricercatore lo ha trovato vicino a Śniatycze (Voivodato di Lublino). Si tratta della quinta scoperta di questo tipo nel Paese. Secondo l’archeologo, questo è di grande importanza per conoscere l’insediamento delle popolazioni di cultura lusaziana nella regione.

Wesław Koman, archeologo della sezione di Zamoš dell’Ufficio regionale per la protezione dei monumenti di Lublino, ha affermato che la lunghezza del frammento è di 7 cm e la larghezza massima dell’arco è di 2,4 cm. Sulla superficie superiore dell’arco è visibile una decorazione, all’estremità della quale si trova la guaina per l’ago stabilizzatore, e sopra di essa è presente una sporgenza convessa. La decorazione appartiene alle popolazioni della cultura lusaziana ed è databile all’ultimo periodo di questa cultura, cioè Hallstatt D (ca. 550-400 a.C.).

“Questa scoperta è di grande importanza per gli archeologi. Sia dal punto di vista della conservazione, perché abbiamo un nuovo sito archeologico e potrebbe essere un cimitero culturale lusaziano, sia dal punto di vista della ricerca e della conoscenza”, ha osservato Coman.

Secondo l’archeologo frammenti di questo tipo sono molto rari e si trovano solo nei complessi funerari della cultura lusaziana. “Questo è il quinto frammento di questo tipo trovato nel nostro paese”, ha detto Koeman. Ad oggi, gli archeologi hanno trovato tre frammenti nel cimitero lusaziano di Keterz (Voivodato di Opole), il quarto nel sito di Cracovia-Plešów (Voivodato della Piccola Polonia).

L’archeologo ha riferito che il monumento è stato trovato da un ricercatore che stava setacciando la zona di Śniatycze con un metal detector. Nella stessa zona, a circa 200-300 metri l’uno dall’altro, sono stati rinvenuti anche un martello altomedievale ed un’ascia risalenti a qualche secolo fa.

READ  PUP e WSB Merito University – insieme nel mercato del lavoro

Gli studiosi fanno risalire l’uso del mazzafrusto, arma da lancio altomedievale, ai secoli XI e XIII. Il corpo ha un corpo rotondo lungo circa 7 cm e spesso circa 2,7 cm, e ha un grande occhiello per attaccare una corda o una cintura. Ci sono chiari segni di danneggiamento sulla sua superficie.

L’ascia da battaglia in ferro risale al XIII e XV secolo. L’arma è lunga 15 cm, ha una lama leggermente curva – fino a 6,7 ​​cm e una punta che misura 3 x 2,5 cm. Gli scienziati hanno valutato le condizioni dell’ascia come molto buone.

I dipendenti della filiale WUOZ di Zamość intendono ispezionare il luogo del ritrovamento. L’archeologo ha detto che le reliquie saranno presto trasferite al Museo Zamosc a Zamosc.

Questa è un’altra scoperta del periodo della cultura lusaziana nell’area di lavoro della delegazione. L’anno scorso a Czerńczyczyn Poduchowne nella regione di Bouviat. Uno dei ricercatori Biłgoraj ha trovato decorazioni in bronzo risalenti a 2,5 mila anni fa. Anni. Tra i 13 reperti rinvenuti figurano: spille da attaccare agli indumenti, parastinchi e braccialetti.

La società che gli studiosi hanno descritto come cultura lusaziana viveva nei bacini della Vistola e dell’Oder, così come nelle regioni della Sassonia, del Brandeburgo, della Boemia settentrionale e della Lusazia. Queste persone erano principalmente impegnate nell’agricoltura e nell’allevamento di bovini, ovini, suini e caprini (PAP).

La scienza in Polonia, Piotr Nowak

spilla/orsacchiotto/

La Fondazione PAP consente la ristampa gratuita degli articoli dal sito web Nauka w Polsce, a condizione che ci informiate via e-mail una volta al mese sull’utilizzo del sito web e forniate la fonte dell’articolo. Sui portali e sui siti web si prega di includere il seguente link: Fonte: Naukawpolsce.pl, e nelle riviste, spiegazioni: Fonte: Nauka w Polsce – Naukawpolsce.pl. Il permesso di cui sopra non si applica a: informazioni della categoria “Mondo” ed eventuali fotografie e materiale video.

READ  Come funziona esattamente l'intelligenza artificiale basata su reti neurali?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto