È il buco sottomarino più profondo del mondo. Il suo fondo non è stato trovato

Le acque e i mari costieri esotici sono pieni di numerose grotte e crateri sottomarini, che sono una delle formazioni carsiche più sorprendenti del mondo. Sono i resti dell’era delle grandi glaciazioni in aree che contengono una grande quantità di rocce carbonatiche. È molto caratteristico se visto dall’alto, poiché si staglia chiaramente contro le acque scure dei suoi fondali quando è circondato dalle luminose acque costiere. Per questo vengono solitamente chiamati “Buchi blu”, cioè buchi blu.

Alcuni di essi raggiungono una profondità di oltre cento metri. Fino ad ora, il buco blu più profondo del mondo era considerato il “Buco del Drago” nel Mar Cinese Meridionale, lungo 301 metri. E puoi lanciarci dentro l’altezza del Palazzo della Cultura e alcuni blocchi decenti. Fa una grande impressione, ma cosa possiamo dire di lui? Il “buco blu”… di cui non si conosce il fondo?

Lo ha stabilito un gruppo di scienziati messicani provenienti dal Messico chiamato El Colegio de la Frontera Sur (ECOSUR). Questo è il cratere Tam Ga nella baia di Chetumal al largo della costa del Belize Messico Nella penisola dello Yucatan. È stato scoperto nel 2003, ma la ricerca è iniziata 18 anni dopo. Fino ad ora, si pensava che Tam Ga fosse il secondo “buco blu” più profondo del mondo. Tuttavia, queste erano supposizioni errate.

I primi tentativi di stimare la profondità di Tam Ga utilizzavano echi di onde sonore che rimbalzavano sulle rocce nel cratere. Tuttavia era così profonda che le onde raggiunsero “solo” la profondità di 274 metri. A questa distanza Tam Ga aveva già assorbito le onde che non tornavano in superficie. Si sospetta che responsabile di questo fenomeno sia il picnoclino, ovvero i confini netti di acqua di diversa densità che possono diffondere segnali acustici.

READ  Impara il polacco, studi gratuiti e un fondo sociale. AWFiS propone sostegno ai rifugiati ucraini

Per stimare la profondità, i ricercatori messicani si sono recati in barca a Tam Ga. Hanno utilizzato un dispositivo sul gancio in grado di misurare la pressione e la temperatura dell’acqua per stimare la posizione della superficie. Il risultato ha sorpreso i ricercatori.

La lunghezza della corda utilizzata era di 500 metri, ma quando fu calata si scoprì che Tam Ga scendeva con una leggera angolazione. Quindi far cadere il dispositivo non è stato facile. Il risultato finale ha mostrato 420 metri sotto la superficie. Ciò rende Tam Ga il “buco blu” più profondo del mondo.

Ma il dispositivo… non ha toccato il fondale marino. Ciò significa che Tam Ja è più profondo di quanto mostrano le letture. Quindi per ora possiamo concluderlo Tam Ga è un buco blu di cui non si conosce il fondo.

Naturalmente, i ricercatori dell’ECOSUR stanno già pianificando ulteriori spedizioni che potrebbero rispondere alla domanda su quanto sia profondo il buco marino più profondo del mondo. Essi ipotizzano che potrebbero utilizzare robot marini in grado di resistere alla pressione.

È interessante notare che quando il dispositivo ha superato la profondità di 400 metri, ha iniziato a leggere i dati sulle mutevoli condizioni dell’acqua. Secondo gli autori dello studio, ciò indica la possibilità dell’esistenza di tunnel a Tam Ga che collegano il cratere ad altri specchi d’acqua. Secondo i ricercatori dell’ECOSUR, una delle scoperte più importanti che la ricerca di Taam Ja potrebbe portare potrebbe essere un sistema biologico completamente nuovo.

READ  Ministro Wieczorek: Il disegno di legge dell'Accademia polacca delle scienze è pronto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto