Dopo sei mesi saremo indipendenti dal gas russo

Durante la conferenza, Morawiecki ha anche fatto riferimento alla questione della sicurezza, ovvero protezione delle frontiere e indipendenza delle risorse. “Austria, Repubblica Ceca, Lituania e Polonia hanno visto la necessità di difendere le nostre frontiere esterne allo stesso modo. E avevamo ragione: le frontiere dovrebbero essere protette. Dovrebbe dipendere da noi chi accettiamo e chi no. Il Il premier ha sottolineato questa posizione anche oggi”. “Oggi dobbiamo anche renderci conto che un nuovo ordine geopolitico si sta formando nel mondo al di fuori dei nostri confini orientali, in Ucraina”, ha aggiunto.

“Negli ultimi cinque anni abbiamo costruito il gasdotto del Baltico verso la Norvegia e entro sei mesi saremo indipendenti per la prima volta dopo decenni dal gas russo”, ha osservato Morawiecki. “Le azioni coerenti del nostro governo hanno portato a tale possibilità”, ha aggiunto il primo ministro. “Vogliamo una cooperazione pacifica e democratica con la Russia, ma non possiamo essere d’accordo sul fatto che la sovranità dell’Ucraina sarà distrutta in modo così crudele”, ha affermato.

Guarda anche: Il presidente della Commissione europea conferma che l’Europa ha abbastanza gas per questo inverno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.