Da “Comunità immaginaria” a “Ragione di punti polacca”. Il discorso di Duda [KOMENTARZ]

Ma dalla fine del XV secolo, il nostro sviluppo ha seguito il percorso feudale-agricolo e il percorso urbano-commerciale occidentale. Regionalmente e culturalmente, eravamo attratti dall’Oriente. La rivoluzione industriale ci ha visti durante le rivolte nazionali, quindi l’intera avventura del 19° secolo nel mondo non è stata in un certo senso nostra. Nei brevi 20 anni tra le Grandi Guerre, quando sicuramente abbiamo pesato la modernità verso l’Occidente, in molti progetti (es. il diritto di voto dato alle donne nel 1918, solo i paesi scandinavi in ​​Europa lo hanno fatto prima di noi).

Siamo tornati in Occidente nel 1989 su una buona strada. L’adesione della Polonia alla NATO (1999) e all’UE (2004) è stato un bel culmine di questa marcia. La storia non è finita nel 2004, le piste portano oltre, e solo più tardi è diventato chiaro che una squadra con allenatori provenienti da Germania, Francia, Irlanda, Grecia e Bruxelles non era sempre facile. Col tempo hanno cominciato ad emergere sempre più voci che questa unione non fosse così buona e che l’idea di abbandonare questa “comunità immaginaria” dovesse essere attivamente messa in circolazione.

La dichiarazione di oggi del presidente Andrzej Duda secondo cui è membro sia della NATO che dell’UE è “assolutamente di base”.

Il presidente ha anche sottolineato magnificamente l’importanza della lotta degli ucraini e ha combinato il loro coraggio con “l’amore per la libertà, la sovranità e la democrazia”. Ha descritto gli attacchi della Russia come “segni di genocidio” e ha detto che spera che i responsabili debbano affrontare tribunali internazionali.

READ  Conflitto Russia-Ucraina. Capo dell'intelligence estone sulle scene dell'attacco russo all'Ucraina

Ha notato il ruolo degli Stati Uniti nell’approvazione della Polonia da parte della NATO e ha ricordato personalmente il ruolo svolto dall’allora senatore e oggi presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

Ha ringraziato delegati e senatori per il loro sostegno trasversale alla legge sulla sicurezza nazionale. Ha detto alcune parole gentili su Jens Stoltenberg e, infine, sulla straordinaria assistenza fornita agli ucraini da centinaia di migliaia di polacchi.

Niente di più, niente di meno.

Anche ciò che Andrzej Duda non ha detto è importante.

Finora, mentre i politici da una parte hanno tenuto buoni discorsi, sono ancora caduti nei loro stessi disordini politici, cercando i ganci del nemico, adottando un approccio passivo-aggressivo e facendo appello a unirsi in una frase. Fai sapere loro che la loro causa è ancora là fuori comunque.

Ecco perché è altrettanto importante non essere inclusi nel testo di Andrzej Duda. E non ha nemmeno fatto un filo con l’opposizione, niente sulla debole e instabile UE che fissa le bandiere arcobaleno, nessuna paura antitedesca, nessun cenno alla direzione incerta di Victor, l’ultimo idolo del campo al potere. Orban.

È stato bello sentire un discorso come questo.

Ma allo stesso tempo è difficile distorcere e apre molti interrogativi sul futuro della nostra politica. Ma per ora mordiamo questo dado da soli e restiamo in silenzio con l’Unione europea nel suo insieme – come ha fatto Andrzej Duda – accanto a Volodymyr Zhelensky.

Puoi leggere il testo completo di Andrzej Duda qui.

READ  Ucraina. Il presidente Volodymyr Zhelensky ha emesso un decreto che nomina i deputati nell'esercito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.