Voglio mandare all’opposizione le forze di sinistra al potere nell’UE

Il primo ministro italiano Giorgia Meloni ha dichiarato giovedì che il suo obiettivo è quello di formare una maggioranza di forze conservatrici e di centrodestra dopo le elezioni del Parlamento europeo che estrometterebbero l’attuale coalizione “tutta di sinistra” dal potere. Ha aggiunto di avere molti problemi in comune con Marine Le Pen.

Il capo del governo, capo del Partito dei conservatori e riformisti europei e capo del gruppo di destra Fratelli Italiani, ha dichiarato in un’intervista al portale italiano Open: “Il mio obiettivo è molto semplice: dare agli europei una configurazione diversa unirsi, creare una maggioranza alternativa a quella attuale e infine mandare tutta la sinistra all’opposizione.” .

Riferendosi alle elezioni parlamentari italiane del settembre 2022, Meloni ha dichiarato: “Vogliamo fare esattamente quello che abbiamo fatto nel Paese un anno e mezzo fa ed esportare questo modello per guidare l’Unione in futuro”.

“Solo i cittadini decideranno se questo scenario è praticabile o meno”, ha aggiunto Meloni.

“Il nostro compito è creare le condizioni e credo che possiamo trovare un accordo tra conservatori, agricoltori e altre forze politiche europee che si considerano di centrodestra”.

La priorità del primo ministro era ripristinare “la razionalità e il pragmatismo nell’UE sull’ambiente e la transizione energetica” e abbandonare i “termini più ideologici del Green Deal”.

“In quegli anni l’uomo era considerato un nemico e l’attuazione di una prospettiva green veniva perseguita anche a costo di sacrificare filiere industriali come l’intero settore manifatturiero e automobilistico”, ha detto Meloni.

“Nessuno nega che le auto elettriche possano far parte della soluzione di decarbonizzazione, ma vietare la produzione di auto diesel e benzina a partire dal 2035 non ha senso. Questa è una follia ideologica che deve assolutamente essere corretta”, ha affermato.

READ  Quanto conosci l'Italia? Un quiz per i veri amanti dell'Italia. Il pacco non è così facile da trovare

Il primo ministro ha sottolineato di aver sempre avuto “rispetto reciproco” con Marine Le Pen, leader del Rassemblement National francese.

“Su temi come la lotta all’immigrazione clandestina, la tutela della nostra identità culturale e l’idea pratica, e non ideologica, di cambiamento ambientale, abbiamo punti in comune, così come molte forze della destra e del centrodestra europei”, ha spiegato Meloni.

“Dobbiamo basare le nostre azioni su questo accordo per creare una vera alternativa alla sinistra. Non stringerò mai un’alleanza con la sinistra, se non per quello che i fratelli italiani hanno capito fin dalla nascita”, ha dichiarato il primo ministro italiano.

Silvia Vysocca di Roma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto