Germania, Francia, Italia: come affrontano l'inflazione

  • L’inflazione dell’Eurozona è scesa al 2,4% a marzo, ma l’inflazione dei servizi rimane un fattore chiave
  • Il costo del lavoro, una componente chiave dei prezzi dei prodotti nel settore dei servizi, continua a crescere a tassi ben superiori alle medie storiche.
  • Nove paesi su 20 (Eurozona) hanno tassi di inflazione superiori al 3%. Germania e Francia hanno registrato forti cali dell’inflazione, mentre l’inflazione in Spagna e Italia è in ripresa con il venir meno degli effetti base negativi legati all’energia.
  • Nel 2024, Alliance Trade prevede ancora che l’inflazione raggiunga il 2,4%. Anche se l’inflazione è a un ritmo più lento, la BCE aprirà la strada ai tagli dei tassi di interesse a partire da luglio

A marzo l’inflazione si è attestata all’1,9%, il livello più basso degli ultimi cinque anni

In primo luogo, i prezzi del settore dei servizi rappresentano quasi la metà del peso del paniere dei consumi. In secondo luogo, il costo del lavoro costituisce una componente importante dei prezzi nel settore dei servizi e continua a crescere a un ritmo più elevato rispetto alla media storica. Di conseguenza, secondo una recente ricerca PMI, le aziende del settore dei servizi continuano a registrare una forte crescita dei prezzi dei fattori produttivi. Inoltre, va sottolineato che gli effetti base svolgono ancora un ruolo significativo. Sebbene l’IPC core destagionalizzato abbia smesso di accelerare in sequenza, il suo livello attuale rimane al di sopra della zona di comfort della BCE. Negli ultimi tre mesi, la crescita mensile annualizzata dell’IPC core è stata in media del 3,8%. L'inflazione dei servizi è salita al 5,7%, il tasso più alto in un anno. Nel frattempo, l’ampia divergenza tra gli Stati membri si aggiunge alle sfide inflazionistiche che la BCE deve affrontare. Nelle stime di marzo, l'inflazione variava dallo 0,3% in Lituania al 4,9% in Croazia. Nove paesi su 20 hanno un tasso di inflazione superiore al 3%, mentre sei hanno un tasso di inflazione inferiore al 2%.

Germania contro inflazione

Seguendo le tendenze osservate in altre economie dell’Eurozona, la Germania sta sperimentando un simultaneo rallentamento delle pressioni inflazionistiche, sebbene vi siano alcuni potenziali rischi di crescita derivanti dall’inflazione dei servizi. Si prevede che il tasso di inflazione della Germania sarà al 2,2% nel marzo 2024, in calo rispetto al 2,5% di febbraio, guidato principalmente dal calo dei prezzi dell’energia e dei prodotti alimentari. Si tratta del risultato più basso da aprile 2021 (2,0%), i prezzi dell’energia sono scesi del -2,7% e quelli dei prodotti alimentari del -0,2%. Tuttavia, ci sono preoccupazioni per la pressione al rialzo sui prezzi dell'energia, con l'IVA sul gas e sul riscaldamento diretto normalizzata dal 7% al 19% in aprile, che potrebbe portare a un aumento temporaneo dei costi energetici. Tuttavia, nel complesso, la componente energetica modererà l’inflazione nel periodo di previsione.

Si prevede che l’inflazione di fondo raggiunga il 3,3%, con i prezzi dei beni che contribuiscono solo per l’1% all’aumento, mentre l’inflazione dei prezzi dei servizi è aumentata al 3,7% a marzo dal 3,4% di febbraio. Nonostante le aspettative di prezzi più bassi tra le aziende dei settori del consumo, del commercio al dettaglio e dell’edilizia, l’ultimo chilometro prima della fine della maratona è difficile poiché le pressioni inflazionistiche prevalgono su tutte le materie prime e allo stesso tempo su tutti i componenti. cade meno bruscamente. La componente servizi dell’inflazione core si sta dimostrando particolarmente resistente, con i fornitori di servizi ad alta intensità di manodopera che devono affrontare pressioni sui prezzi derivanti dall’aumento dei costi salariali derivanti da forti contratti sindacali. La tendenza generale suggerisce che l’inflazione dei servizi in Germania si modererà nei prossimi due anni, ma rimarrà al di sopra del 3,5% nel 2024 prima di scendere al 3% entro la fine del 2025. Ci aspettiamo quindi che il tasso di inflazione core diminuisca. In Germania, grazie ai servizi, si prevede che nel prossimo futuro supererà il tasso di inflazione generale, secondo un rapporto commerciale di Allianz.

E l’inflazione in Francia e Italia?

In Francia, la maggior parte dell'aumento dell'inflazione, ovvero i 2/3, sarà ancora dovuto all'aumento dei prezzi dei servizi. L'inflazione in Francia è scesa al 2,3% a/a previsto a marzo (rispetto al 3,0% di febbraio e al 2,5% previsto). L’inflazione di fondo è scesa di -0,2 punti percentuali al 2,1%, con l’inflazione dei prezzi dei beni allo 0,1% – il livello più basso dal 2021 – rispetto al 3% per i servizi (-0,2 punti percentuali). L'inflazione alimentare è scesa all'1,8% dal 3,6% e quella energetica è scesa al 3,4% dal 4,3%. I prezzi dell’elettricità sono stati ulteriormente aumentati per compensare il calo dei prezzi del gas e del petrolio.

– Guardando al futuro, Allianz Trade prevede che l'inflazione dei servizi scenda al 2,5% a luglio e si stabilizzi su quel livello entro la fine dell'anno, mentre la crescita salariale rallenta fino a sfiorare il 4% a/a. A partire dal quarto trimestre del 2023, i costi unitari del lavoro rappresentano il secondo principale motore dell’inflazione in Francia dopo i margini unitari. Dovrebbero contribuire meno all’inflazione poiché la domanda debole e le scorte elevate continuano a spingere molti produttori ad abbassare le aspettative sui prezzi. Ricerche avanzate suggeriscono che tutti i settori manifatturieri sono in una fase di inflazione o deflazione (metalli, prodotti chimici, mobili) ad eccezione della produzione di computer, elettronica e articoli ottici, che è in fase di inflazione. Nel settore dei servizi, la maggior parte delle aziende intende ancora aumentare i prezzi, soprattutto in settori come ristorazione e alloggio e servizi turistici, telecomunicazioni e servizi di informazione, magazzinaggio e trasporto aereo. Nel complesso, gli analisti prevedono che l’inflazione nell’AllianceTrade France sarà in media del 2,2% nel 2024 e dell’1,7% nel 2025.

L'inflazione in Italia a marzo è stata la più bassa dell'Eurozona, in aumento all'1,3% a/a dallo 0,8% di un mese fa. Le pressioni sui prezzi sottostanti in Italia non sono diverse da quelle di altre economie. I forti effetti base negativi dei prezzi dell'energia si stanno indebolendo (-10,8% a/a dal -17,8% di febbraio), mentre la crescita dei prezzi dei servizi è rimasta più stabile al 3,0% a/a (dal 2,9% di un mese fa). Fino a +0,4% m/m. In particolare, i prezzi dei servizi di trasporto sono aumentati al 4,4% a/a dal 3,8% di febbraio. Mentre i prezzi “vischiosi” dei servizi continuano a destare preoccupazione, anche le aspettative sui prezzi di vendita nel settore misurati dall’ESI della Commissione Europea sono diminuite a marzo (da aprile 2023 a un nuovo record a febbraio). Il ritardato e “soft” aumento salariale dell’Italia potrebbe contribuire ad allentare l’ulteriore pressione sul settore dei servizi ad alta intensità di manodopera. In contrasto con la tendenza di marzo nell'Eurozona, l'inflazione core in Italia è salita al 2,4% dal 2,3% a/a, invertendo 12 mesi consecutivi di miglioramento (dal picco del 6,3% nel febbraio 2023).

Allianz Trade prevede che l’inflazione dei servizi si moderi gradualmente e contribuisca in modo significativo all’inflazione quest’anno (1,3 punti percentuali), i prezzi dei prodotti alimentari rimarranno al di sopra dell’obiettivo del 2% per l’anno, mentre i prezzi dell’energia e delle materie prime porteranno a una normalizzazione dell’inflazione.

Ci aspettiamo che l’inflazione in Spagna si calmi, come già osservato dalla fine del 2023. Tuttavia, la graduale eliminazione delle misure fiscali governative – come i tagli dell’IVA su elettricità, gas e cibo – compenserà questa tendenza di fondo. Allianz Trade prevede che l’inflazione raggiunga il 3,1% nel 2024, rispetto al 3,5% del 2023. È importante notare che si prevede che l’inflazione dei servizi rimanga benigna poiché non vediamo pressioni dall’aumento dei costi salariali. Secondo la Banca di Spagna, i dati dei contratti collettivi indicano che l’aumento salariale medio concordato nei contratti collettivi è stato ridotto dal 3,5% nel dicembre 2023 al 2,8% nel gennaio 2024, riferisce AllianceTrade.

READ  40 La migliore Caminetto elettrico del 2022 - Non acquistare una Caminetto elettrico finché non leggi QUESTO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto