Barcellona. Proteste antiturismo in città, lanciate le cisterne per l’acqua

Barcellona è stanca dei turisti. Sabato il centro della città è stato testimone di una protesta. I manifestanti hanno bloccato gli ingressi degli alberghi, hanno gridato ai vacanzieri di tornare a casa e hanno versato loro acqua addosso. La manifestazione arriva in risposta agli alti costi della vita in Spagna, che molti residenti attribuiscono ai viaggiatori.

Il Barcellona non è in vendita“, “Turisti, tornate a casa“- Sono solo alcuni degli slogan che si vedono sugli striscioni portati dai manifestanti sabato sera nel centro della città Barcellona.

Barcellona non vuole turisti. “Via dalla nostra zona”

Una manifestazione alla quale, secondo i resoconti della polizia, ho partecipato 2800 personeHa camminato per le strade della capitale della Catalogna. I partecipanti si sono opposti e hanno disturbato i turisti che riposavano o visitavano la città.

Turisti, uscite dalla nostra zona– Hanno cantato gli spagnoli, “attaccando” i vacanzieri con pistole ad acqua nei ristoranti e nelle famose attrazioni turistiche della città. Hanno registrato gli ingressi negli hotelE impedire ai residenti registrati di andarsene.

Vedi: giugno 2024 sarà il mese più caldo della storia. Gli scienziati lanciano l’allarme

La protesta di sabato a Barcellona è un’altra manifestazione a cui si mira in Spagna Scoraggiare gli stranieri dal trascorrere le vacanze nel Paese. In precedenza, azioni simili erano state realizzate, tra le altre: a Palma di Maiorca, dove circa 15.000 persone sono scese in piazza. I manifestanti.

Protesta a Barcellona. Il turismo è un motivo per aumentare il costo della vita?

I manifestanti accusano il turismo eccessivo Alto costo della vita in Spagna. Negli ultimi dieci anni, si prevede che il numero di appartamenti nel paese aumenterà del 68%. Gli affitti aumenteranno notevolmente.

READ  Covid-19, autorizzazione mascherine e novità vaccino: aggiornamenti in tempo reale

Molti lamentano anche una ridotta qualità della vita.

– I negozi locali stanno chiudendo i battenti per fare spazio a negozi che non possono soddisfare le esigenze dei residenti locali. La gente non può permettersi l’affitto – si è lamentato Issa Miralles, residente nella zona della Barceloneta, citato da GB News.

Si teme anche che ciò possa portare a un afflusso di vacanzieri Vincoli sulle risorse idriche – Molte parti della Spagna soffrono di siccità e vengono imposte restrizioni sull’uso dell’acqua. Questo problema non riguarda solo la penisola iberica, ma alcuni hotel in Sicilia hanno ridotto il numero dei ricevimenti per questo motivo Impossibilità di fornire acqua sufficiente per docce e servizi igienici.

Niente più appartamenti in affitto a Barcellona

I manifestanti, però, sono arrabbiati Non solo per i turisti. Danno la colpa anche alle amministrazioni cittadine e chiedono restrizioni che limitino il numero di stranieri che arrivano nel Paese.

Lo scorso giugno, il sindaco di Barcellona Jaume Colboni ha annunciato l’intenzione di invalidare tutti i contratti di locazione a breve termine entro il 2028. In questo modo, Non sarà possibile affittare appartamenti ai turisti E ritorno al mercato immobiliare locale.

Vedi: Il paradiso turistico ha un problema. Gli albergatori dovrebbero rifiutare l’alloggio ai loro ospiti

Nel 2023 è stata visitata la capitale della Catalogna 12 milioni di turisti. Come riportato da Sky News, le stime preliminari non lasciano dubbi sul fatto che alla fine del 2024 questo numero sarà molto più alto.

Per saperne di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto