230 anni fa scoppiò la Rivolta di Varsavia, la prima nella storia della capitale

230 anni fa, il 17 aprile 1794, a Varsavia scoppiò la ribellione. Grazie all'atteggiamento altruistico degli abitanti della città, le forze russe furono rapidamente espulse dalla capitale, provocando pesanti perdite. Tra i leader ribelli, il consigliere comunale e calzolaio Jan Kielinski si distinse.

La guerra persa per difendere la Costituzione del 3 maggio ha messo il Paese sull’orlo del baratro. Il risultato della sconfitta nel 1792 fu l'invalidazione della legislazione del Grande Sejm e, infine, la seconda spartizione della Repubblica di Polonia il 23 gennaio 1793. In base a ciò l'imperatrice russa Caterina II ricevette la somma di 250.000 złoty polacchi. km e la sua popolazione è di 3 milioni di persone, e la Prussia è governata da Federico Guglielmo II, con una superficie di 57mila persone. I chilometri quadrati sono abitati da un milione di persone, trasformando il Paese in un enorme stato.

La sconfitta nella guerra del 1792 fu una grande delusione per gli abitanti della capitale. Gli abitanti di Varsavia reagirono in modo estremamente negativo all'adesione del re alla Lega di Targowica. Il 24 e 25 luglio 1792, diverse migliaia di persone – cittadini e popolani, nonché la nobiltà riunita nella capitale – manifestarono contro la decisione presa dal re il 23 luglio, dopo la riunione della guardia legale», si legge in Il libro di Wojciech Kępka-Marianski “La rivolta di Varsavia nel 1794″”

Allora non potevano esserci dubbi sulla direzione in cui stava andando la Confederazione polacco-lituana e su quanto caricaturale fosse diventata a causa della politica seguita per molti anni. Il paese era in uno stato di tumulto e Varsavia era in prima linea in questa rabbia.

“Stanisław August era così terrorizzato dalle manifestazioni sempre più numerose e dall'atmosfera estrema in città che ha dato l'ordine di riportare a Varsavia le unità di guardia che avrebbero dovuto proteggerlo il prima possibile. “Le truppe russe al comando del generale Mikhail Kachowski sono entrate la capitale alla fine di luglio 1792.” – aggiunse Kępka-Marianski.

Le speranze di salvezza dello Stato, suscitate dalle conquiste della grande Camera dei Rappresentanti e dalla Costituzione del 3 maggio, furono gravemente deluse. Soprattutto a causa della posizione del re polacco, che il 23 luglio 1792 si unì agli abitanti di Targovica, cospiratori che miravano a rovesciare le disposizioni della Costituzione, di cui lo stesso Poniatowski fu uno degli autori.

“Dopo l'adesione del re alla Lega di Targovica, le province e le terre della Polonia centrale si sono unite a lui, citando soprattutto il suo esempio, hanno aderito alla sua 'dignità' e non hanno incluso nelle loro azioni le condanne del Sejm e della Costituzione del 3 maggio, ” ha osservato Christina Zienkowska in “Stanisław August Poniatowski.

READ  Gli astronomi identificano un pianeta realistico con due soli, come 'Tatooine' di Star Wars

Dal 17 giugno al 23 novembre 1793 si riunì a Grodno il Consiglio di spartizione, l'ultimo Sejm della Prima Repubblica polacca. L'Assemblea, nella quale i polacchi non avevano alcuna influenza sull'ulteriore destino del paese, avrebbe dovuto accettare di approvare formalmente le disposizioni della spartizione, cosa che fece. Tuttavia, va notato che mentre in precedenza erano stati fatti tentativi per mantenere una certa apparenza, con risultati migliori o peggiori, ora i parlamentari venivano dettati abbastanza apertamente su cosa fare, come e da chi. Basti ricordare che i membri del parlamento sospettati di non essere solidali con i russi e di aiutare gli abitanti di Targovica sono stati allontanati con la forza dall'esercito russo.

La presa del potere da parte del Partito Polacco portò ad un rapido deterioramento della situazione economica nella Repubblica di Polonia. La corruzione fiorì, fabbriche e perfino intere banche fallirono. Il paese stava sprofondando nell’apatia e nella crisi. “Il governo della gente di Targovica ha avuto un impatto negativo su tutte le sfere della vita a Varsavia. La situazione nella capitale riflette la situazione nel paese. Gli ordini dell’esercito sono stati sospesi (tra l’altro a causa del numero limitato di persone). russi) e la comunità è diventata più povera, perdendo così fabbriche e laboratori artigianali”, ha affermato il dottor Grzegorz Koba nello studio “Jan Kielinski – Il simbolo della libertà di Varsavia”.

“Gli schiavi si ribellarono e lasciarono la città. Le casse dello Stato erano vuote. Sette grandi banche di Varsavia fallirono, guidate dalla Banca del Tevere. Funzionari e soldati non ricevevano denaro. La popolazione cadde nella povertà, la disoccupazione aumentò e i prezzi – soprattutto i prezzi dei generi alimentari sono saliti alle stelle.” Il dott. Koba ha osservato che la presa del paese da parte delle Leghe di Targovica ha portato non solo al collasso economico della Repubblica di Polonia, ma anche alla cessazione della vita intellettuale e culturale, che si era sviluppata intensamente durante il Grande Sejm.

Il 14 novembre 1792 gli abitanti di Targovica inviarono una lettera cerimoniale allo zar Caterina II in cui esprimevano gratitudine “per il ripristino della libertà e dell'ordine repubblicano in Polonia”. Come potete vedere, questa “ripristino della libertà” non ha avuto solo conseguenze politiche disastrose, ma ha avuto anche sfortunate ripercussioni sociali ed economiche.

Il graduale declino spinse i polacchi a rialzarsi. Il 12 marzo 1794 il generale Antoni Józef Madalinski rifiutò formalmente di ridurre le sue forze e le condusse da Ostrolica a Cracovia, dove il 24 marzo, nella piazza del mercato, Tadeusz Kościuszko lesse l'atto di rivolta e prestò giuramento. Il 4 aprile, le forze sotto il suo comando sconfissero i russi vicino a Ratsławice. La notizia di questa vittoria raggiunse presto Varsavia, dove il potere effettivo era nelle mani dei russi.

READ  Esperto: La terapia della risata aiuta nella guarigione

“Ci fu anche un movimento clandestino a Varsavia, al quale parteciparono soldati e civili, tra cui un forte gruppo di artigiani, furono raccolte nell'arsenale di Varsavia le armi che i russi volevano prendere poco prima di Pasqua i superiori della chiesa hanno annunciato che all'una in tutte le chiese di Varsavia si terrà la messa “Si è sparsa la voce che i russi vogliono rinchiudere le persone in queste chiese e attaccare l'arsenale”, Leszek Marek Krzyniak. capo della Fondazione polacca Kościuszko, ha detto a PAP.

Le decisioni finali sullo scoppio della rivolta nella capitale furono prese durante gli incontri cospirativi del 13 e 15 aprile. “All'inizio ha contribuito la notizia della vittoriosa battaglia di Raklavica del 4 aprile. Poco prima di Pasqua il presidente ha deciso che la funzione si sarebbe svolta contemporaneamente in tutte le chiese. Si diceva che i russi le avrebbero assediate e attaccate chiese. Ciò ha accelerato la decisione”, ha osservato Krzyniak.

I cospiratori erano guidati dal consigliere comunale e calzolaio Jan Kielski. Questo artigiano, nato nel 1760 a Trzemyszno vicino a Gniezno, si trasferì a Varsavia all'età di vent'anni. A quel tempo era una città in via di sviluppo dinamico. A causa dell'elevata domanda di servizi specializzati, Kilinsky ottenne rapidamente una buona posizione finanziaria. Potrebbe addirittura acquistare una residenza, cosa che vale la pena sottolineare: tali spese non potrebbero essere sostenute da molti nobili. Le sue attività non si limitarono all'attività professionale. Grazie alle sue azioni è riuscito a conquistare la gente, il che ha portato anche al successo nelle sue attività pubbliche. Il 15 aprile 1792 divenne membro del consiglio comunale.

“Trentamila artigiani e garzoni obbedirono al suo volere. Fu il primo a farne comprendere l'importanza e il potere (…) Da allora in poi questo personaggio non fu più considerato calzolaio di questo reggimento e fece la cosa giusta “Prima di tutto, aumentò le nostre deboli forze con migliaia di persone eccellenti”, scrisse Jan Ursin Niemswich in Memoirs of My Times.

Oggi Kilinsky è considerato uno dei primi eroi nazionali non appartenenti alla nobiltà. La dottoressa Maria Czepi ha descritto la sua personalità alla radio polacca, dicendo: “Era intelligente e coraggioso, e un simbolo della borghesia nazionale polacca”.

READ  La NASA ha lanciato un satellite per esplorare le regioni polari della Terra

La mattina del 17 aprile 1794, i residenti armati di Varsavia attaccarono le forze che proteggevano l'ambasciatore russo, il sovrano de facto di Varsavia, Osip Igelström. I combattimenti attorno al Palazzo Morstein si estesero a Miodoa Street e continuarono per tutta la giornata. Nella notte tra il 16 e il 17 aprile, presso la caserma di Scholeburz iniziarono i preparativi per la marcia verso la Città Vecchia. All'alba, dall'arsenale risuonavano i suoni dei cannoni. I ribelli hanno attaccato le forze mujaheddin russe. Chłodna e i dintorni del cancello di ferro situato vicino al Parco Saski. Le forze combattenti nella Città Vecchia erano personalmente sotto il comando di Kelinsky.

“Era interessante vedere i signori delle prime famiglie, ma di nessun grado, sottufficiali o ufficiali, avvicinarsi rispettosamente al colonnello Shoemaker e chiedere i suoi ordini. Questo e altri esempi simili furono i primi a introdurre concetti democratici in Polonia”, ha osservato Nemsiewicz, già citato.

I russi furono sorpresi di trovarsi coinvolti nel fuoco incrociato e nella numerosa partecipazione e sacrificio del popolo di Varsavia, e furono costretti a lasciare la capitale, subendo pesanti perdite. Il 19 aprile i punti di resistenza sparsi tra i sopravvissuti russi venivano ancora eliminati. Si stima che ai combattimenti abbiano partecipato circa 40.000 residenti armati della capitale. Ciò dimostra quanto sia forte la loro determinazione e quanto sia importante il loro sostegno.

“Era raro anche che i civili giocassero un ruolo così importante in una guerra come avvenne a quel tempo. I russi sopravvissuti a questa battaglia, di cui morirono più di 2.000, dichiararono nella battaglia di Maciegowice che stavano vendicando la sconfitta. a Varsavia Questo fu un esempio di cospirazione civile: gli artigiani guidati dal calzolaio Jan Kielinski, insieme all'esercito rimasto a Varsavia, sconfissero la guarnigione russa finché non fu costretta a lasciare la città.

Ma la gioia dei ribelli non durò a lungo. Nonostante molti successi, la rivolta di Kosciuszko si trovò presto in declino. Anche la situazione internazionale non era adatta. La sconfitta di Maciejowice il 10 ottobre 1794 e la cattura di Kościuszko tarparono definitivamente le ali ai polacchi combattenti. Il 4 novembre, le forze russe che attaccavano Varsavia massacrarono la popolazione civile di Praga. Temendo la brutalità russa, il giorno successivo gli abitanti di Varsavia si arresero alla città. Meno di un anno dopo, Russia, Prussia e Austria attuarono la Terza Spartizione, cancellando la Polonia dalle mappe per molti anni (PAP).

umore/szuk/dki/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto