Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > “In carcere si è comportato bene”, concessi i domiciliari ad agrigentino

“In carcere si è comportato bene”, concessi i domiciliari ad agrigentino

Il Tribunale di Sorveglianza di Palermo, accogliendo l’istanza del difensore, l’avvocato Fabio Inglima Modica (nella foto), ha concesso gli arresti domiciliari a Salvatore Avarello, 47 anni, di Agrigento, più volte in passato arrestato e finito in carcere, in quanto coinvolto in una serie di episodi di criminalità. In carcere l’uomo si sarebbe ravveduto, fino al punto, che le relazioni e le tesi proposte dal difenore, hanno indotto il Tribunale di Sorveglianza, ad ordinare la scarcerazione, applicandogli i domiciliari.

“In carcere si è comportato bene, partecipando alle attività trattamentali, fruendo anche di permessi premio. Per cui si ritiene che la detenzione domiciliare pare quella più adeguata, sia per il raggiungimento dell’obiettivo rieducazione del condannato, sia per il suo reinserimento sociale, da agevolarsi attraverso il necessario sostegno familiare”.

Avarello stava scontando un cumulo di pene diventate definitive, e sarebbe uscito dal carcere l’8 ottobre del 2022. Tra i casi in cui è rimasto coinvolto i furti al vecchio istituto scolastico, Ipia “Enrico Fermi”, di via Piersanti Mattarella. Dopo aver compiuto la prima razzia, l’anno successivo, venne nuovamente arrestato per lo stesso reato, e sempre nello stesso luogo.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su