Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Canicattì > Cgil: “Amministrazione comunale di Canicattì prevarica sulle competenze scolastiche”

Cgil: “Amministrazione comunale di Canicattì prevarica sulle competenze scolastiche”

Riceviamo e pubblichiamo una nota della segreteria provinciale Flc Cgil inviata al sindaco di Canicattì Ettore Di Ventura, a seguito dell’emanazione dell’ordinanza n° 137 del 7 dicembre scorso, avente in oggetto integrazione dell’ordinanza n° 134 del 26 novembre scorso. La Sigla sindacale si dice compiaciuta per l’excursus  di tutte le delibere del Consiglio dei Ministri, e di tutte le circolari emanate per l’emergenza Covid-19, compiaciuta che l’Amministrazione comunale si sia ricordata della nota n° 1990 del M.P.I. (non è più Miur) del 5 novembre 2020  sulla DDI. “Purtroppo, dopo aver emanato la propria ordinanza sindacale n° 134 del 26 novembre con la quale era stata disposta la sospensione delle attività didattiche in presenza nelle scuole di ogni ordine e grado,  dimenticandosi proprio di quella importantissima nota Ministeriale che, come ben Ella cita e riporta nell’ordinanza sindacale, parla appunto dell’integrazione degli alunni diversamente abili, è stato costretto a dover emanare un’altra ordinanza di integrazione e ci sta bene visto che esiste lo strumento dell’autotutela nelle correzioni  di errori amministrativi”.

“Ma nella stessa ordinanza sindacale si citano accordi con le istituzioni scolastiche. Ora noi non siamo a conoscenza di quali siano i termini dell’accordo con i Dirigenti Scolastici che sono stati invitati ad una video-conferenza da Voi indetta, però, conoscendo la loro preparazione e le loro conoscenze normative ci appare difficile capire di quale accordo si stia parlando”.

“L’organizzazione didattica scolastica è, nei limiti delle vigenti normative, di esclusiva competenza dei Dirigenti Scolastici e del Collegio dei Docenti; le competenze didattiche e di integrazione scolastica sono sempre state all’ordine del giorno da parte di tutto il personale scolastico; la nota ministeriale e il contratto stipulato tra le Organizzazioni sindacali e Mpi del 9 novembre che ha regolamentato la DDI ha fatto chiarezza sul ruolo, e sui i tempi della didattica  in maniera sincrona e asincrona. Per il personale della scuola è di fondamentale importanza assolvere a quest’obbligo formativo e, sicuramente non vi è nessuna necessità di fare accordi con l’amministrazione comunale perché ciò farebbe venire meno le prerogative della funzione della scuola nell’ambito socio-didattico”.

“Ci permettiamo e ci scusiamo anche, non vorremmo che questa Sua Ordinanza Sindacale potesse indurre l’opinione pubblica a pensare che i docenti con la DDI da casa o da scuola non facessero il   loro dovere professionale. Già alcuni organi di stampa avevano sposato questa teoria priva di qualsivoglia fondamento: con la didattica a distanza il lavoro professionale dei Dirigenti e dei Docenti si è centuplicato sia per le lezioni che per tutta la sua preparazione online e con i ben noti risultati ottenuti dai ragazzi malgrado gli enormi sforzi profusi da tutti ad iniziare dagli studenti”.

“Rammentiamo, solo per dovere di cronaca e di verità, che come OO.SS. abbiamo sempre espresso l’opinione che la didattica è solo in presenza perché è proprio nell’ambiente scolastico che si creano i presupposti per formare i cittadini del domani: l’apprendimento, il confronto, la socializzazione ed i rapporti umani interpersonali. Il distanziamento sociale nella scuola non fa bene ai nostri ragazzi e la politica deve solo indicare l’atto di indirizzo non sovrapponendosi ai diversi ruoli che ciascuno riveste nella società”.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su