Tu sei qui
Home > Attualità > Campobello di Licata, Casa Di Ospitalità S. Teresa del Bambino Gesù, Destituzione del Consiglio di Amministrazione, l’intervento del Sindaco Picone

Campobello di Licata, Casa Di Ospitalità S. Teresa del Bambino Gesù, Destituzione del Consiglio di Amministrazione, l’intervento del Sindaco Picone

La scorsa settimana è stata inviata al Comune, da parte dell’Assessorato regionale della famiglia, delle politiche sociali e del lavoro, una nota in cui si comunicava di aver annullato la nomina dei tre componenti del CdA dell’IPAB “Casa di Ospitalità Santa Teresa del Bambino Gesù”, da me indicati e che si sono insediati lo scorso Dicembre. La revoca era motivata con la mancanza in capo agli stessi dei requisiti previsti dalla legge.
Premetto subito che ho già dato mandato ad un legale al fine di impugnare tale decisione che ritengo illegittima e scandalosa.
Premesso che i componenti del CdA nominati avevano pieno diritto e titolo a rivestire tale carica e premesso altresì che le ragioni di detta legittimità verranno evidenziate nelle sedi opportune dal legale all’uopo incaricato, preme spiegare ai cittadini ciò che sta accadendo.
Nel novembre 2019, lo stesso Assessorato, che oggi annulla le nomine, confermava le mie indicazioni ritenendo i soggetti indicati pienamente legittimati al ruolo da ricoprire, oggi, invece, con il decreto di annullamento il detto convincimento muta senza neanche spiegare le ragioni del cambiamento di opinione.
Cosa è accaduto tra il novembre 2019, in cui le mie nomine erano, a parere dell’Assessorato, perfettamente regolari, e l’aprile 2020 in cui l’Assessorato smentisce sé stesso?
Quando si è insediato il CdA, i componenti si sono trovati sul tavolo una procedura di assunzione di una unità OSS attraverso l’istituto del comando.
Tale procedura, avviata e conclusa dal Commissario che ha gestito il S.Teresa prima dell’insediamento del CdA, era purtroppo viziata da diverse irregolarità per come confermato dal revisore dei conti dell’Ente e da un parere pro veritate richiesto a tal proposito ad un avvocato.
Apriti cielo, improvvisamente l’IPAB S.Teresa diventava oggetto di particolare attenzione da parte di un deputato regionale, che si prodigava in diverse interrogazioni all’ARS aventi ad oggetto l’IPAB, ritenendo, evidentemente, di prioritaria e fondamentale importanza verificare una qualche irregolarità del nominato CdA che, per inciso, aveva bloccato la procedura di inserimento in servizio presso l’Ente il S. Teresa del sopracitato OSS che in passato aveva ricoperto il ruolo di suo assistente parlamentare.
Considero molto discutibile il comportamento dell’Assessorato che, in piena emergenza coronavirus, nel mezzo della più grave crisi sanitaria e sociale dalla fine della seconda guerra mondiale a oggi, ritiene di primaria importanza dedicarsi ad assecondare le richieste di un deputato, piuttosto che dedicare tutte le energie possibili ad affrontare l’emergenza in atto e supportare il personale delle strutture di ospitalità.
Solamente grazie al mio impegno, in questi giorni, sono stati consegnati al S. Teresa 25 letti e materassi che permetteranno al personale di restare presso al struttura e limitare i contatti con l’esterno, salvaguardando gli anziani ospitati, mentre l’assessorato è dedicato ad altro.
Su tutta la vicenda che attiene all’assunzione dell’ex assistente parlamentare, ho già presentato formale esposto alla Procura e alla Corte dei Conti, facendo rilevare che si tratta di una procedura che presenta aspetti di dubbi regolarità sotto diversi profili.
Impugnerò, pertanto, il provvedimento di revoca, sia perché ritengo le mie nomine pienamente legittime e conformi allo Statuto dell’Istituto ed alle norme di legge, sia perché è evidente che la particolare attenzione che è stata riservata alle nomine del S.Teresa non è stata applicata in occasione delle nomine degli altri istituti affini, evidenziando una strana disparità di trattamento.
L’Assessorato avrà certamente modo di chiarire, nelle sedi opportune, le proprie decisioni e le proprie contraddizioni.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su