Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Canicattì > Canicattì, allarme Covid 19 comitato 2021 dichiarazioni amministratori pura ipocrisia

Canicattì, allarme Covid 19 comitato 2021 dichiarazioni amministratori pura ipocrisia

Questo Comitato Civico 2021 fa appello al senso di responsabilità di tutti i Cittadini e li sollecita ad attenersi ai protocolli dettati dal Governo Nazionale per la tutela della salute di tutti.

Fare polemica in questo momento non sembra corretto ma non si può stare in silenzio davanti agli evidenti strafalcioni di una Amministrazione Comunale che oltre ad essere assente produce dichiarazioni inverosimili come quelle fatte dall’Assessore Corbo che si presente in televisione non per fare appelli per la tutela della salute pubblica ma per ringraziare il consiglio dell’ordine dei geometri perché due di loro faranno il tirocinio negli uffici Comunali, peraltro in questo momento gli uffici sono chiusi . Si stigmatizza il senso cinico dell’intervento perchè nonostante tutto vorrebbe continuare a fare politica ,  i Cittadini rischiano la vita e lei non si prodiga a gestire gli eventi come responsabile della protezione civile, non fa appelli alla popolazione affinchè tutti si attengano ai protocolli, ma il suo “GRANDE” pensiero è quello di ringraziare i geometri !!!, roba da applicarle una daspo a vita per il territorio di Canicattì.

Le altre dichiarazioni, molto accorate, sono state rese dal Sindaco e riguardano le condizioni economiche della Città, chiede aiuti, ci permettiamo ricordare che questo Comitato Civico già da quattro mesi pone all’attenzione il grave stato economico che sta attraversando l’economia Canicattinese, ne ha ricevuto INSULTI da parte dell’Assessore Di Fazio  e sorrisini da parte dello stesso Sindaco, di contro abbiamo assistito ad una sorta di accanimento dell’Assessore alle finanze Messina: sono state notificate circa 45.000 bollette la maggior parte per tasse non dovute; abbiamo assistito alla distruzione dell’ufficio tecnico e dell’edilizia privata; abbiamo assistito alla farsa del viaggio a Roma per ottenere vantaggi per l’agricoltura; abbiamo assistito al regalo di € 5.000.000,00 all’impresa proposta dall’Assessore Corbo che dovrà gestire il cimitero; abbiamo assistito ai € 7.000.000,00 regalati alla DEDALO ambiente; abbiamo assistito alle diecine di migliaia di euro regalati come premialità ad alcuni dipendenti Comunali , ecc.. ecc… ora il Sindaco fa accorati appelli perché l’economia della Città è nel disastro.

Gli accorati appelli non sono credibili se non accompagnati da atti concreti, addirittura hanno il sapore della presa in giro , allora Sindaco : sospenda  tutti gli avvisi di accertamento inviati; cancelli tutte le tasse e imposte comunali( imposta sulla pubblicità, TOSAP, ecc.. ecc…); destini gli € 5.000.000,00 , che dovrà regalare, ad aiuti in termini di trasporti, iniziative promozionali, finanziamento di strutture, per gli agricoltori e la zootecnica; finanzi iniziative per il rilancio del marchio dell’uva italia; finanzi iniziative per il rilancio del commercio e dell’artigianato; revochi l’incarico alla dannosa presenza dell’Assessore Corbo e incarichi un assessore che possa contribuire al rilancio dell’edilizia privata ; revochi tutte le premialità concesse ai dipendenti e assegni i fondi per la ripresa delle attività di somministrazione; incominci a predisporre gli atti per concedere gratuitamente il suolo pubblico alle attività di somministrazione per la stagione estiva; ecc.. ecc…  queste sono solo alcune delle  numerose iniziative che un sindaco può assumere per il rilancio dell’economia locale, il problema è avere IDEE , per quello che si vede le uniche idee dell’amministrazione Comunale sono quelle di DISTRUGGERE e non di costruire,  gli appelli accorati sanno solo di IPOCRISIA.

 

IL SEGRETARIO

Calogero Giarratana                                                         IL PRESIDENTE

Giuseppe Giardina

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su