Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > La busta con minacce di morte a Patronaggio spedita dalla Toscana

La busta con minacce di morte a Patronaggio spedita dalla Toscana

La busta, contenente un proiettile, e un foglio con minacce di morte al procuratore capo, Luigi Patronaggio, giunta al quinta piano del Palazzo di Giustizia di Agrigento, è stata spedita da una città della Toscana. L’ipotesi è che provenga da ambienti di estrema destra.

Nel frattempo, i magistrati della Procura della Repubblica di Caltanissetta, che indagano, hanno fatto il punto della situazione, nel corso di incontro, che si è tenuto ieri con i vertici dei Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando provinciale di Agrigento.

Sulla vicenda la Procura nissena, per competenza di territorio, ha aperto un fascicolo d’indagine, attualmente a carico di ignoti.

La busta con il proiettile di fucile di grosso calibro, soprattutto in uso ai militari dell’Esercito, e un foglietto con su scritto «Zecca sei nel mirino», e altre parole e minacce di morte, indirizzato al responsabile della Procura agrigentina, sono state già vagliate dagli esperti della Scientifica, e nelle prossime ore, saranno sottoposte ad approfondite analisi, per verificare un’eventuale presenza di impronte o altri elementi, che si spera possano risultare utili a risalire ai responsabili.

Pubblicità Lirenas Gas

Articoli Simili

Su