Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento montana > Calcio Promozione: il Casteltermini chiede conto e ragione

Calcio Promozione: il Casteltermini chiede conto e ragione

Per il presidente Salvino Sanvito, quello di questo pomeriggio sarà un viaggio particolare a Ficarazzi, sede del Comitato Regionale Sicilia della Figc, per via della audizione presso la Corte sportiva di Appello Territoriale, per il reclamo respinto dal Giudice sportivo presentato per ottenere quantomeno la ripetizione della gara contro l’Altofonte per un errore tecnico dell’arbitro. “Il Casteltermini chiede giustizia e se in secondo grado non sarà ribaltato il verdetto del Giudice sportivo continuerò la battaglia nelle sedi romane della federazione – dice il presidente Salvino Sanvito, che ci racconta quanto successo il pomeriggio dello scorso 8 aprile. Tutto nasce dal fatto, che in campo, pur non figurando nella distinta presentata all’arbitro dall’Altofonte, ha giocato un calciatore con la maglietta numero 8, che invece era stato cancellato dalla distinta. Sappiamo che nei campionato dilettantistici non fa fede la prova televisiva, ma questo non esclude che con tanto di foto e filmato possiamo dimostrare tutto in altre sedi, come ad esempio alla Procura Federale, che potrà avvalersi dei suoi mezzi per fare luce sulla questione. Pomeriggio sarò a Palermo per dimostrare le nostre ragioni in quanto l’arbitro ha commesso un grave errore tecnico a fare giocare un calciatore di cui non sappiamo se era tesserato o squalificato e quindi che non aveva titolo a prendere parte alla gara”.

Pubblicità Lirenas Gas
Pubblicità EuroBet

Articoli Simili

Su