Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Agrigento, Sinatra respinge la accuse: “Ho acquistato il terreno rispettando la legge”

Agrigento, Sinatra respinge la accuse: “Ho acquistato il terreno rispettando la legge”

E’ stato ascoltato, per circa due ore, Vincenzo Sinatra, 83 anni, noto imprenditore agrigentino, e proprietario dell’Hotel della Valle, ad Agrigento, finito agli arresti domiciliari, nell’ambito di un’inchiesta della Procura della Repubblica, e degli agenti della Digos di Agrigento, sull’acquisto di un terreno demaniale, accanto la struttura alberghiera, e a ridosso della villa Genuardi. Per l’acquisto dell’area – secondo l’accusa – sarebbero stati creati documenti falsi.

“Ho chiesto ufficialmente l’acquisto di quel terreno, anni fa, e della pratica si è occupato un avvocato. Ho acquistato il terreno rispettando la legge. I due funzionari della Regione, credo di averli incontrati due o tre volte in tutta la amia vita”, ha detto.

Sinatra, ieri, è comparso per l’interrogatorio, davanti al Gip del Tribunale di Agrigento, Francesco Provenzano, che ha firmato l’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari, su richiesta del pm Alessandra Russo, titolare del fascicolo d’inchiesta. Richiesta di arresto presentata dalla Procura il 21 giugno dell’anno scorso.

Assistito dai suoi legali di fiducia, gli avvocati Antonino Gaziano e Vincenza Gaziano, l’ottantatreenne albergatore, ha cercato di chiarire come sono andati i fatti, difendendosi e negando ogni accusa, mossegli nei suoi confronti. Concorso in abuso d’ufficio e falsità in atti pubblici i reati contestati all’albergatore.

Pubblicità Lirenas Gas
Pubblicità EuroBet

Articoli Simili

Su