Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Calcio a 5: impresa dell’Akragas Futsal a Palermo contro il Cus

Calcio a 5: impresa dell’Akragas Futsal a Palermo contro il Cus

Quando si affrontano Cus Palermo ed Akragas lo spettacolo è assicurato. Così è stato anche questa volta, nel corso della quarta giornata del girone A di C1. Alla formazione di Toti La Bianca mancano solo i punti, la prestazione e la mole di occasioni sono arrivate anche questa volta, ma il 4-3 finale premia la formazione biancazzurra.
Pronti via, succede di tutto: al 6′ Hamici fa tremare la porta di Giuliano con un sinistro al volo terrificante che si infrange sulla traversa. Minuto 8, il Cus passa con una grande azione di Termini, che con una doppia finta disorienta il difensore, prima di servire Miranda per il gol dell’1-0. Al 10′ super Comito che serve Termini, palla deviata e corner. Al 15′ l’Akragas di mister Castiglione pareggia, con un tiro di punta dalla destra di Hamici. Il bomber palermitano concede il bis al 21′, questa volta calciando sugli sviluppi di uno schema su palla inattiva. Arriva anche il 3-1, al 23′, ancora con Hamici, su assist di esterno di Isgrò. Gara speciale oggi per lui, col figlio Anthony in maglia cussina dal lato opposto. Il 2-3 arriva al 28′, con Sanzo che a partire dallo stop a metà campo, continuando palla al piede, dribbla tre avversari, prima di mandarla in rete. La sfera viene controllata da un giocatore in maglia biancazzurra probabilmente prima che questa superi totalmente la linea. Il direttore di gara, però, convalida. Dati alla mano, è un super primo tempo.
Nella ripresa Giuliano tenta ti riscattarsi al 2′ con una bella parata su tiro potente da fuori, un minuto dopo pesca in avanti Miranda che stoppa al volo, controlla ancora al volo e calcia, con Daino che la manda in corner. 10′, 3-3 Cus Palermo, nuovamente con Miranda, servito da un grande Termini. La loro intesa è già su altissimi livelli.
Al 17′ l’episodio che decide la gara e che scatena le proteste del Cus Palermo: palla in area Comito istintivamente allunga il piede per deviare la sfera, ne viene fuori un sorprendente pallonetto che supera Giuliano. La palla colpisce la traversa e tocca terra. Così come in occasione del 2-3 di Sanzo, il pallone sembra non aver varcato interamente la linea. Il direttore di gara commette per due volte lo stesso errore e indica subito il dischetto della metà campo: è la rete del definitivo 4-3 Akragas. Al 21′ Toledo colpisce un palo, ma nel finale nonostante il forcing cussino il risultato non cambia.
Grande gara tra due ottime formazioni: l’Akragas espugna un campo difficilissimo e resta prima, il Cus Palermo torna a casa con la consapevolezza di essersela giocata contro una delle candidate alla vittoria del campionato.
Da questo amaro episodio di fine match potrebbe derivare una grande settimana di lavoro, fatta di rabbia agonistica e determinazione, così da arrivare al top ad un super derby palermitano: quello di sabato prossimo contro la corazzata Mabbonath.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su