Vinicius: Ho pensato molto all'idea di andarmene da qui, ma non darò ai razzisti quello che vogliono

– Perché sono stato preso di mira? È molto triste, è una cosa che succede qui ogni partita, ogni giorno. Ogni lamentela che faccio mi rende così triste. Ma come tutti i “neri” del mondo… è triste. E questo è quello che succede… non solo in Spagna, ma in tutto il mondo… La stessa cosa è successa con i miei genitori, hanno scelto una persona bianca invece di una persona nera. Questo è qualcosa che sto notando e contro cui lotto mentre mi prendono di mira… Sto lottando per assicurarmi che ciò non accada a nessun altro nel prossimo futuro.

– Sostieni il razzismo? Ricevo aiuto da tanti colleghi… Stiamo lavorando, non solo per la Spagna, affinché ciò non accada di nuovo in tutto il mondo. Insisto sul fatto che molti colleghi e organizzazioni… mi hanno mostrato il loro sostegno. Il progresso umano è necessario. Spesso si sono spinti troppo oltre nei miei confronti e nella mia famiglia… Voglio che questo cambi, per non farmi chiedere spiegazioni ogni volta che vengo qui.

-Devo migliorare in campo. Ho ancora 23 anni e questo è uno sviluppo naturale… ho lasciato il Brasile molto giovane, senza imparare molte cose… lo guardo da molto tempo e mi sento sempre più triste, Voglio giocare sempre meno..

– Dove trovi la forza per combattere? Grazie a tutte le persone che mi accompagnano, mi mandano messaggi… tutto per continuare a lottare. Oggi ho molta forza dentro di me, che mi viene dalla mia famiglia… Sono orgoglioso di venire qui e parlare a nome di così tante persone, a nome di tutti coloro che hanno sofferto… È stato molto difficile.

-La differenza tra il razzismo in Brasile e Spagna? Mi rattrista l'impunità: perché presento tante denunce e non succede nulla? Dobbiamo lavorare per limitare questo… È tutto un processo… A Barcellona è stata aperta un'indagine e sarà importante punire queste persone affinché smettano di parlare in questo modo ed educhino le nuove generazioni ad una migliore educazione. modo.

READ  10 La migliore porta calcio bambini del 2024 - Non acquistare una porta calcio bambini finché non leggi QUESTO!

– Cosa è più importante per me, la vita sportiva o non sportiva? Giocare a calcio è molto importante, ma ciò che è più importante è combattere il razzismo. È molto difficile giocare le partite concentrandosi sul proprio gioco. Cerco l’uguaglianza nel prossimo futuro. Voglio che ci sia uguaglianza e voglio che la vita sia normale per tutti.

[Po odpowiedzi na to pytanie Vinícius rozpłakał się podczas konferencji prasowej i nastąpiła krótka przerwa. Piłkarz został nagrodzony brawami przez dziennikarzy zgromadzonych na sali i wrócił do odpowiadania na kolejne pytania].

– La partita contro la Spagna? È un piacere giocare in casa per la nazionale brasiliana. Sarà una partita molto importante tra due delle squadre più importanti del calcio. Non giochiamo insieme da molto tempo. Giocheremo anche contro grandi giocatori e miei compagni… È una partita molto speciale e cercheremo di vincere.

-Indrik? Sono molto felice di accompagnare Indrek in Nazionale… Farà grandi cose nel calcio. Sta maturando e sta già ottenendo buoni risultati… Venire qui così giovane è importante perché è il miglior club del mondo, ma è complicato anche dalle critiche e dalle pressioni. Ma noi saremo qui con lui per aiutarlo.

-La situazione del razzismo sta migliorando? Ogni lamentela che faccio sembra peggiorare la situazione. Non sto combattendo i tifosi in Spagna, sto combattendo il razzismo nel mondo. Ho parlato con tante persone che volevano aiutarmi… Ci saranno persone che diranno cose buone e cattive su di me… Ma devo abituarmi. Ho sempre intenzione di aiutare tutte le organizzazioni e combattere il razzismo. Il campionato spagnolo migliora sempre di più, ma è complicato anche perché il razzismo non viene considerato un reato.

READ  40 La migliore kayak come iniziare del 2022 - Non acquistare una kayak come iniziare finché non leggi QUESTO!

– Sostegno della Federazione brasiliana? Devo ringraziare il presidente e tutti gli atleti brasiliani che mi hanno sempre sostenuto. Dentro e fuori dal campo. Il Presidente ha inoltre rispettato la legge brasiliana e si è adoperato per eliminare il razzismo in Brasile. Spero che anche altre federazioni nel mondo lavorino su questo, e che si crei un precedente. Spero anche che non succeda la stessa cosa ogni due o tre giorni… Ringrazio anche la mia famiglia per il sostegno, anche se anche loro stanno soffrendo.

– Hai ottenuto più sostegno e libertà? Ora capisco di più sul razzismo, motivo per cui lo dico bene. Muhammad Ali è stato un esempio e sono qui per parlare a nome dei brasiliani. Perché molte persone mi difendono. Non era come le altre volte in cui avevo la sensazione che le domande fossero un attacco e non potevo rispondere.

– Essere il caposquadra? Tutti qui mi sostengono. Fanno di tutto per farci sentire a nostro agio. Ogni volta che vengo qui mi sento molto a mio agio… con Danilo, Casemiro, Marquinhos… sono molto importanti per me perché sono stati dei modelli per me. Posso dire lo stesso dei nuovi talenti.

– Hai pensato di lasciare la Spagna? Ho pensato molto all'idea di andarmene da qui, ma se me ne vado darò ai razzisti quello che vogliono. Voglio restare qui, nel miglior club del mondo, così potranno vedere la mia faccia. Sto migliorando costantemente per dare felicità alla gente che va allo stadio. I razzisti sono una minoranza e non è sempre così. Ma poiché sono coraggioso e sono tifoso del Real Madrid, andarsene sarà complicato. Continuerò a giocare qui perché mi sostiene il presidente e mi sostiene la società.

READ  40 La migliore borse bicicletta del 2022 - Non acquistare una borse bicicletta finché non leggi QUESTO!

-Penso che tutti i giocatori mi supportino. Tanti di loro mi scrivono…quelli che escono allo scoperto e dicono cose come Nico Williams…non posso fare a meno di ringraziarlo. Sanno quanto è difficile allenarsi e giocare… penso a cosa potrebbe succedere in campo… ho voglia di andare a giocare per dare il massimo. Sono fatto così, adoro giocare a calcio. Voglio giocare per fare grandi cose. Nico è un bravissimo ragazzo, difende sempre i suoi colori quando gioca per la Spagna e per me è un esempio.

– Sono sicuro che la Spagna non è un paese razzista, ma ce ne sono tanti e vanno negli stadi. Questo deve cambiare. Forse molte persone non sanno cosa sia il razzismo. All’età di 23 anni devo mostrare cos’è il razzismo e come mi influenza. Pensavo anche che ci fosse meno razzismo rispetto a prima, ma quando lo condanno il problema peggiora. Poiché hanno l’immunità, pensano di poter fare qualsiasi cosa e quello che dicono sul colore della mia pelle può influenzarmi in campo. Voglio solo giocare, fare bene e andare in tutti gli stadi della Spagna sapendo che non sarò giudicato per il colore della mia pelle.

– Messaggio? Possiamo restare tutti uniti e sostenere che tutto può cambiare. Noi neri sappiamo che dobbiamo fare il doppio. Se fossimo insieme, sarebbe meglio. Dobbiamo stare insieme perché ci sono persone che ci sostengono, ma non hanno tanto potere quanto noi. Solo i neri sanno cosa stiamo passando

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto