Un’altra guerra è in bilico. “Potrebbe succedere in qualsiasi momento”

Nelle ultime settimane le tensioni tra Armenia e Azerbaigian sono aumentate. Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha parlato lunedì durante un incontro con i residenti della contesa regione di Tavush, nel nord del paese. Ha affermato direttamente che la guerra tra i due paesi potrebbe scoppiare “entro la fine della settimana”.

Pashinyan ha detto che l’Azerbaigian chiede all’Armenia di rinunciare a quattro villaggi dei territori contesi (vicino al confine con la Georgia), e gli armeni non intendono soddisfare questo “ultimatum”. Ciò potrebbe significare l’inizio di un altro conflitto su larga scala nel mondo.

L’Armenia è lontana dalla guerra con l’Azerbaigian. “È terribile”

Jerzy Marek Nowakowski, ex ambasciatore polacco in Lettonia e Armenia, ha detto direttamente a Wirtualna Polska che la situazione sembrava “catastrofica”. Secondo lui questo è il risultato “in gran parte del fatto che l'Armenia è dipesa dai russi per anni e ha perseguito una politica molto parziale”. Considerata l’attuale debolezza e il coinvolgimento di Mosca in Ucraina, il Cremlino non è in grado di fornire un sostegno adeguato agli armeni.

– Esiste uno squilibrio militare e politico molto evidente. Gli armeni si trovano in una posizione in cui non hanno altra scelta che accettare ulteriori dettami dall’Azerbaigian. Nowakowski ha spiegato che i dettami dipendono anche dalla situazione politica esterna.

Lui ha spiegato che l'Azerbaigian, “approfittando dell'instabilità internazionale legata alla guerra in Ucraina, sta intensificando la pressione sull'Armenia”. – Sì, la guerra può scoppiare in qualsiasi momento – ha riassunto semplicemente l'esperto. Nel 2020, l’attacco a sorpresa degli azeri al Nagorno-Karabakh non si è trasformato in un conflitto su vasta scala, ma ha comunque portato alla pulizia etnica.

READ  La coscrizione militare in Russia. Cattive notizie per i soldati

L’Armenia sta cercando di stabilire relazioni più strette con l’Occidente in mezzo alle tensioni con il suo tradizionale alleato, la Russia. In particolare, Yerevan accusa Mosca di aver mancato di sostegno nel confronto con l'Azerbaigian, anche durante l'attacco di questo paese alla regione separatista del Nagorno-Karabakh, abitata da armeni, lo scorso autunno. Le forze di pace russe rimasero passive in questo conflitto, che si concluse con la vittoria di Baku, la liquidazione dell'indipendenza del Nagorno-Karabakh e la fuga della popolazione armena.

Fonte: Radio ZET/Wirtualna Polska

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto