Trovare l’Arca di Noè? Potrebbe essere più vicino a noi di quanto pensassimo

Gli scienziati affermano che una formazione rocciosa nelle montagne turche potrebbe corrispondere alle dimensioni della biblica Arca di Noè. La scansione 3D ha rivelato strutture sotterranee che potrebbero essere il risultato dell’attività umana. Cosa si sa di loro?

La formazione si trova sul monte Tandoorik, vicino al confine turco-iraniano. Fu scoperto nel 1959 da Ilhan Durupinar, comandante dell’aeronautica turca, che notò una forma insolita nelle fotografie aeree. Gli archeologi suggeriscono che la struttura potrebbe essere i resti di una nave artificiale.

Arca di Noè: gli scienziati sono riusciti a trovarla?

Molti ricercatori ritengono che potrebbe trattarsi della biblica Arca di Noè. Secondo la Bibbia, l’arca era lunga 300 cubiti, larga 50 cubiti e alta 30 cubiti. L’arca è stata trasformata in unità moderne, raggiungendo una lunghezza di circa 150 metri, che corrisponde alle dimensioni della formazione rocciosa.

Specialisti americani e turchi del Noah’s Ark Survey Project hanno condotto ricerche utilizzando la scansione 3D avanzata. Si tratta di un metodo non invasivo che consente di raccogliere dati ad alta risoluzione sugli oggetti situati sotto la superficie dell’area rilevata. Ciò include oggetti trovati sott’acqua, nonché sulla terra, nel legno e nell’asfalto. Uno speciale dispositivo GPR può vedere diversi metri di profondità, facilitando la mappatura della superficie.

Il resto dell’articolo è sotto il video

Vedi anche: SięKlika #32: Che dire dell’intelligenza artificiale in iOS 18, GPT-4o, pannelli fotovoltaici sui binari, gioco polacco Manor Lords

I risultati della ricerca effettuata utilizzando la scansione 3D indicano che sotto la superficie esiste una struttura artificiale costituita da linee parallele e forme angolari. “Questi risultati sono quelli che ci si aspetterebbe se si trattasse di una nave artificiale che soddisfa i requisiti biblici per l’Arca di Noè”, ha affermato Andrew Jones, un ingegnere e archeologo coinvolto nel progetto.

Tuttavia, non tutti gli esperti concordano con questi risultati. I geologi confermano che la formazione rocciosa non contiene tracce del legno con cui sarebbe stata realizzata la nave. Sostengono che la natura può creare molte strutture insolite. Anche Ken Ham, fondatore di Answers in Genesis, ha espresso dei dubbi. Ha sottolineato che il Monte Tandoorik è considerato un vulcano a scudo, che potrebbe rappresentare un pericolo per Noah e il suo equipaggio.

L’alluvione non è mai avvenuta?

Alcuni ricercatori suggeriscono che la nave potrebbe essere atterrata su un’altra montagna, da qualche parte nell’antico stato di Urartu, che comprendeva le regioni dell’attuale Turchia, Iran e Armenia. Altri sostengono che nell’antichità non sarebbe stato possibile costruire una nave capace di contenere un numero così elevato di creature. C’è anche un gruppo di ricercatori che dubita della possibilità di un’alluvione globale.

Uno di loro è il Professore. David Montgomery dell’Università di Washington. Il ricercatore conferma che l’alluvione globale non si è mai verificata perché sulla Terra non c’è abbastanza acqua per coprire l’intero pianeta, comprese le catene montuose più alte. Anche se tutta l’acqua cadesse dall’atmosfera in una volta, il nostro pianeta sarebbe sommerso dall’acqua fino a una profondità di solo circa un pollice, riferisce Live Science, citando una ricerca dell’US Geological Survey.

READ  Due istituzioni stanno restringendo la portata della loro collaborazione. Un accordo importante tra l'Università e l'Archivio

Uno scenario del genere non giustifica la necessità di costruire un’enorme arca che possa ospitare rappresentanti di tutte le specie di fauna. La NASA ha condotto una ricerca che ha esaminato lo scenario dello scioglimento di tutti i ghiacciai e delle calotte glaciali. In questo caso il livello del mare aumenterebbe di 60 metri.

Inoltre, anche tenendo conto delle acque sotterranee, che secondo uno studio pubblicato sulla rivista Nature Geoscience contengono 22,6 milioni di chilometri cubi d’acqua, sulla Terra ci saranno ancora luoghi aridi. Quest’acqua coprirà il terreno fino ad una profondità di circa 180 metri. WordsSideKick.com afferma inoltre che “i geologi non vedono prove di un diluvio globale nella documentazione rock” e che la storia biblica di Noè e della sua arca contiene molte incertezze. Per questo motivo si ritiene che il diluvio biblico sia più probabilmente “un’allegoria piuttosto che un resoconto letterale degli eventi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto