Teletrasportarsi a una distanza di 1 km. Successo degli scienziati

Innanzitutto bisogna calmare l'entusiasmo di chi sperava che il sogno della serie “Star Trek” o del romanzo “Hyperion” diventasse realtà. Purtroppo non disponiamo ancora di porte che possano aprirsi ovunque e chiudersi altrove. Tuttavia è ancora aperto il dibattito sulla possibilità di ciò, ma su questo torneremo più avanti. Per ora cercheremo di tradurre in un linguaggio comprensibile i rapporti del gruppo di ricerca che si vantava dei suoi risultati, perché anche se si tratta solo di una molecola, le rivoluzioni tecniche di solito iniziano con piccoli successi e crescono di scala molto rapidamente.

Un esperimento riuscito per gli scienziati

Gli scienziati dell'ICFO (Istituto di Scienze Fotoniche della Catalogna) hanno pubblicato i risultati dei loro esperimenti sulla rivista scientifica Nature. Cos'è veramente questo teletrasporto? In questo caso, le informazioni venivano scomposte in un luogo e inviate a un altro senza effettivamente viaggiare tra i due punti. Utilizzando l’entanglement quantistico di punti di trasmissione e ricezione, è stato possibile spezzare un qubit, inviarlo, riceverlo e quindi costruirlo dalle informazioni trasmesse. Il teletrasporto quantistico consente anche di trasferire informazioni tra diversi sistemi di comunicazione: quelli che utilizzano la luce e quelli che utilizzano la materia.

Tali possibilità per le tecnologie quantistiche erano già state previste alla fine del secolo scorso. Tuttavia, ci sono voluti esperienza e due decenni di sperimentazione per raggiungere il punto menzionato dagli scienziati catalani. La fase successiva sarà quella di inviare informazioni utilizzando questa tecnologia in più luoghi contemporaneamente. Se vuoi leggere i dettagli di questa scoperta, lo troverai La ricetta è sul sito dell’istituto.

Come sarebbe il teletrasporto?

Nelle discussioni sul teletrasporto, almeno a un livello comprensibile per il destinatario medio, c'è sempre stata una domanda molto importante. Questo processo implica letteralmente l'invio delle stesse cellule e del loro sistema in un altro luogo, o non è possibile semplicemente scomporle in atomi in un luogo, inviare informazioni sul sistema e ricrearle a destinazione? Nel primo caso la macchina smonta la persona e la monta altrove. Nel secondo caso, verrà effettivamente creata una copia sull'altro lato e l'originale verrà annientato. Abbastanza scuro, non è vero? Se quest'ultima risulta essere l'unica opzione disponibile, ogni passaggio attraverso il portale significherà morte e rinascita. Morte e nascita sono vissute dalla stessa coscienza? O forse la copia parte semplicemente dal punto in cui è stata creata con i ricordi dell'originale, e deve essere distrutta per evitare un'ondata di doppelganger? Una visione davvero spaventosa.

READ  Cosa serve per diventare un astronauta alla NASA

Questo dilemma, se risolto, probabilmente non sarà risolto in questa vita. In futuro, chissà, forse qualcuno si imbatterà in questo testo e, dopo averlo letto da un computer quantistico dopo che gli è stato trasmesso da lontano, penserà tra sé “che limitata immaginazione tecnologica aveva”? Considerando la rapidità con cui le visioni del futuro di 30 o 40 anni fa diventano obsolete, questo è prevedibile.

Un giornalista stava leggendo un giornale seduto in cima a un grande mulino a vento. Questa è stata la sua ascesa

Ascolta in vivavoce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto