Stati Uniti d'America. Pacchetto di aiuti per l'Ucraina alla Camera dei Rappresentanti. I media sulla posizione del presidente Mike Johnson

Politico ha riferito che il presidente della Camera Mike Johnson ha deciso di revocare l'embargo sulla questione degli aiuti all'Ucraina a causa, tra le altre cose, di preoccupanti rapporti dell'intelligence statunitense. Il portale ha fatto riferimento anche al ruolo di Donald Trump in questo caso e al suo incontro con il presidente Andrzej Duda.

Secondo il portale, la scorsa settimana l'intelligence statunitense ha presentato ai membri del Congresso un nuovo rapporto sullo stato di guerra in Ucraina, che – secondo uno dei membri del Congresso che lo ha visionato – era “molto forte rispetto a dove eravamo pochi mesi fa.”

Giovedì il direttore della CIA William Burns ha dichiarato pubblicamente che senza l’aiuto americano l’Ucraina potrebbe essere sconfitta sul campo di battaglia entro la fine di quest’anno. In precedenza, mentre compariva davanti alle commissioni di entrambe le camere del Congresso, aveva fatto diagnosi simili, tra gli altri: il comandante supremo della NATO in Europa, il generale Christopher Cavoli.

La svolta dopo diversi mesi

Il destino del sostegno americano all’Ucraina da febbraio – dopo che il Senato ha approvato il pacchetto di aiuti – è dipeso quasi interamente dal Presidente della Camera dei Rappresentanti e dalla sua decisione di mettere questo pacchetto ai voti della Camera. Johnson, relativamente nuovo arrivato al Congresso, è stato eletto come la terza persona nello stato dalla sua elezione lo scorso ottobre. Ha ribadito che gli Stati Uniti “non lasceranno” l'Ucraina, ma per diversi mesi ha rinviato o si è opposto al pacchetto proposto dalla Casa Bianca, chiedendo, tra l'altro, un radicale inasprimento della politica di immigrazione o la definizione di una chiara strategia amministrativa.

READ  Il ministero degli Esteri russo minaccia di espellere i diplomatici americani

Mike JohnsonBab/EPA/Sean Theo

Secondo Politico la vera ragione è la situazione all'interno del suo partito, che ha un solo voto alla Camera dei Rappresentanti. Johnson ha subito pressioni da parte dei sostenitori degli aiuti all'Ucraina e dell'ala estremista anti-ucraina, che ha minacciato di rimuoverlo dall'incarico. Allo stesso tempo, gli avvertimenti dell’intelligence diventavano sempre più allarmanti e la pressione arrivava anche da diversi leader stranieri, tra cui la Polonia, gli Stati baltici, la Gran Bretagna e la Repubblica ceca.

Alla fine, la svolta è arrivata lo scorso fine settimana quando ha svelato un nuovo piano per trasferire gli aiuti all’Ucraina, dividendo le componenti del pacchetto del Senato in tre progetti di legge separati e aggiungendone un quarto che sarà votato alla Camera sabato. Johnson ha spiegato mercoledì che ha deciso di andare contro la tendenza di alcuni politici del suo partito perché “crede alle informazioni dell'intelligence” che indicano che Vladimir Putin non si fermerà in Ucraina e “potrebbe trasferirsi nei Balcani” o “entrare in uno scontro con la Russia”. .” Polonia.”

Per saperne di più: La Camera dei Rappresentanti ha aperto la strada all'adozione del pacchetto di aiuti per l'Ucraina

Ha detto: “Preferirei inviare missili in Ucraina piuttosto che i nostri soldati”, aggiungendo che suo figlio inizierà presto a studiare all'Accademia navale degli Stati Uniti.

Il colpo di stato contro il pacchetto e la posizione di Donald Trump

Secondo Politico, il ritorno di Johnson è stato possibile anche grazie alla posizione di Donald Trump, che durante l'incontro della scorsa settimana con il presidente del Parlamento si è opposto alla sua rimozione dall'incarico e ha proposto di sostenere gli aiuti all'Ucraina sotto forma di prestito. Politico ha fatto riferimento all'incontro di mercoledì tra Trump e il presidente Duda, anche se è avvenuto dopo la decisione del presidente della Camera di aiutare l'Ucraina.

READ  L'Australia accusa la Cina di aver commesso un "atto intimidatorio" dopo aver puntato un laser contro un aereo

Donald Trump e Andrzej Duda TVN24

“Se vi state chiedendo perché Trump mostra tanta reticenza, vale la pena ricordare che mercoledì ha incontrato il presidente polacco Andrzej Duda, un populista di destra che Trump descrive come un “grande amico” che guida un paese che prende la decisione minaccia da parte dell’autocrate”. Vladimir Putin sul serio.” – ha scritto il portale.

Come riportato venerdì dal New York Times, anche i parlamentari ucraini e baltici hanno lavorato per convincere Trump e i suoi ambienti ad aiutare l’Ucraina, che a marzo si erano incontrati a Vilnius con un gruppo di ex funzionari dell’amministrazione Trump. I politici – compresi i capi delle commissioni per gli affari esteri dei parlamenti ucraino e lituano – dovevano convincere gli interlocutori americani che aiutare l’Ucraina era nell’interesse americano perché avrebbe creato nuovi posti di lavoro nell’industria della difesa e avrebbe anche inviato un segnale forte alla Cina.

Fonte immagine principale: Bab/EPA/Sean Theo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto