- Advertisement -spot_img
HomesciencePubblicata una nuova mappa satellitare radiofonica

Pubblicata una nuova mappa satellitare radiofonica

- Advertisement -spot_img

L’Istituto olandese ASTRON e il team polacco POLFARO stanno riportando le nuove scoperte.

Nel corso di sette anni, un team internazionale di scienziati ha prodotto una mappa radiofonica di oltre un quarto del cielo settentrionale. Le osservazioni sono state effettuate dalla rete europea dei radiotelescopi a matrice di bassa frequenza (LOFAR), che ha anche tre stazioni di osservazione in Polonia.

La nuova mappa radiofonica dell’universo, ottenuta nell’ambito della LOFAR Two-meter Sky Survey (LoTSS), copre più di 4,4 milioni di oggetti visti nella gamma di basse frequenze radio, inclusi circa un milione di oggetti sconosciuti fino ad oggi e molti dei quali non registrati Sorgenti precedenti sulle onde radio. 3.500 ore di osservazione sono state utilizzate per creare la mappa, i cui dati occupano 8 petabyte di spazio su disco. Questo può essere paragonato alle unità di 20.000 laptop.

La mappa è stata resa disponibile al pubblico, in modo che tutti potessero vedere l’enormità dei dati in essa contenuti, oltre a controllare che aspetto hanno i diversi oggetti in una versione completamente nuova – indicano gli scienziati.

La maggior parte delle sorgenti osservate si trovano a miliardi di anni luce dalla Terra. Queste sorgenti sono principalmente galassie con grandi buchi neri, nonché galassie in cui nascono intensamente nuove stelle. Sono stati anche osservati ammassi di galassie in collisione, così come oggetti dalle nostre immediate vicinanze: stelle luminose della Via Lattea.

L’analisi dei dati nella mappa è un’altra pubblicazione su singole questioni. Ad esempio, insieme alla mappa sono stati pubblicati i risultati delle collisioni di ammassi di centinaia o addirittura migliaia di galassie. Ciò consente agli scienziati di conoscere i campi magnetici e il comportamento delle particelle ad alta energia nelle grandi strutture dell’universo.

READ  In diversi dispositivi, diversi tipi di SARS-CoV-2
READ  Gli scienziati si stanno rendendo conto che una ricorrente e misteriosa esplosione radiofonica dallo spazio sembra stranamente familiare

Altri esempi di ricerca risultanti dalle osservazioni LOFAR descritte includono la scoperta di segnali insoliti, probabilmente causati da esopianeti in orbita attorno a stelle vicine, e la scoperta della pulsar a rotazione più lenta. Strutture del cosiddetto spazio di rete studiando le posizioni e le forme delle galassie. Una componente di scienza dei cittadini è stata aggiunta al progetto poiché sono state scoperte diverse radiogalassie che richiedono l’aiuto di volontari per trovare nuovi buchi neri al loro interno.

Una descrizione dettagliata della mappa radiofonica del cielo è stata pubblicata sulla rivista “Astronomy and Astrophysics”. Il gruppo di ricerca comprende molti scienziati polacchi di diverse istituzioni: A. K. Chyży, dott. Jamrozi, il dott. B. Nickel-Frozenski, il Dr. Yu Bagduz-Schmerciak dell’Università Jagellonica di Cracovia e il Dr. Biliky del Centro di Fisica Teorica dell’Accademia Polacca delle Scienze di Varsavia, e il Dr. M. Haydock dell’Università di Warmia e Masuria a Olsztyn, il dott. M. Kunert-Bajraszewska e MA A. Wołowska dell’Università Nicholas Copernicus di Toruń, nonché il Dr. K. Małek e S. Nakoneczny, MA del Centro nazionale per la ricerca nucleare di Varsavia.

LOFAR è una rete europea di antenne radio con sede a Exloo, nei Paesi Bassi. Il principale organizzatore del progetto (la progettazione e la costruzione del telescopio) è l’Istituto olandese di radioastronomia (ASTRON). I partner del progetto includono istituzioni provenienti da Francia, Irlanda, Lettonia, Paesi Bassi, Germania, Polonia, Svezia, Gran Bretagna e Italia.

Il gruppo POLFARO, che comprende l’Università di Warmia e Masuria a Olsztyn, l’Università Jagellonica di Cracovia, il Centro di ricerca spaziale dell’Accademia polacca delle scienze a Varsavia e il Centro di Pozna per il supercalcolo e le reti a Pozna, è responsabile del partecipazione. La manutenzione delle stazioni polacche LOFAR è stata finanziata dal Ministero dell’Istruzione e della Scienza.

READ  SpaceX lancerà il suo terzo Starlink consecutivo [webcast]
READ  In diversi dispositivi, diversi tipi di SARS-CoV-2

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Stay Connected
16,985FansLike
2,458FollowersFollow
61,453SubscribersSubscribe
Must Read
- Advertisement -spot_img
Related News
- Advertisement -spot_img