Professor Van Prooijen: Le teorie del complotto non possono essere liquidate come qualcosa di innocuo

L'adesione alle teorie del complotto non è un sintomo di malattia mentale, ma non può essere liquidata come qualcosa di innocuo, afferma il professor Hans Hans, psicologo sociale olandese. Jan Willem van Proijgen.

La popolarità di vari tipi di teorie del complotto è enorme, il che non è solo un fenomeno del nostro tempo, ma ha guadagnato molti sostenitori anche in un lontano passato. Sono cambiate solo le modalità della loro diffusione – afferma uno psicologo dell'Università Vrije di Amsterdam nel libro “La psicologia delle teorie della cospirazione” pubblicato sul mercato polacco.

Lo specialista mette in guardia dal sottovalutare le teorie del complotto. In primo luogo, non è che un piccolo gruppo sociale creda loro, e spesso vengono liquidati come infestati. Ad esempio, si ritiene comunemente che negli Stati Uniti la Food and Drug Administration (FDA) impedisca deliberatamente l'introduzione di farmaci contro il cancro e altre malattie sotto l'influenza delle aziende farmaceutiche. Ben il 37% dei partecipanti ha ammesso di crederci, mentre un altro 31% non ne era sicuro.

Non è possibile sviluppare un unico farmaco antitumorale efficace. Tuttavia, quasi ogni anno vengono registrati nuovi preparati per aumentare l'efficacia del trattamento di alcuni tipi di cancro o di alcuni tipi di cancro. Negli ultimi anni sono state sviluppate molte nuove cure, compresi i farmaci di nuova generazione che hanno rivoluzionato il trattamento di molte malattie tumorali. Di conseguenza, queste malattie stanno diventando sempre più croniche anziché mortali. Tuttavia, il mito di “ostacolare il trattamento del cancro” rimane molto popolare.

Il professor Jan Willem van Prooijgen mette in guardia dal credere che le teorie del complotto siano innocue, sia per i loro seguaci che dal punto di vista sociale. E' proprio il contrario. Possono influenzare notevolmente il pensiero e il comportamento delle persone. “Il comportamento delle persone è guidato da ciò in cui credono; quanto più irrazionali sono le convinzioni, tanto più irrazionale è il comportamento che ne risulta.”

READ  Lira sterlina. Apprendimento delle lingue, esercizi e yoga. Sono iniziate le lezioni gratuite per i bambini ucraini e le loro madri

Un esempio fornito dallo specialista olandese è la diffusione di informazioni fuorvianti secondo cui i vaccini sono dannosi. Di conseguenza, alcune persone si astengono dalla vaccinazione contro malattie gravi, come il morbillo. Il risultato è che l’infezione si ripresenta ed è altamente contagiosa.

La fede nelle teorie del complotto può persuadere molti elettori a votare per il candidato sbagliato, il quale, una volta al potere, potrebbe fare di più per destabilizzare la stabilità sociale che per migliorarla.

Il professor Van Prooijen ammette che alcune teorie del complotto potrebbero rivelarsi vere. Tuttavia, “la stragrande maggioranza delle teorie cospirazioniste sostenute dai cittadini nel corso degli anni si è rivelata errata”. Queste teorie possono anche avere alcuni vantaggi, come costringere i leader a essere più trasparenti e fungere da catalizzatore per l’avvio di importanti discussioni sociali. “Tuttavia, la maggior parte degli effetti delle teorie del complotto sono dannosi”, aggiunge.

L'autore di “La psicologia delle teorie del complotto” affronta anche la diffusa convinzione che coloro che credono nelle teorie del complotto siano malati di mente. Ad esempio, cita la cosiddetta teoria delle scie chimiche, secondo la quale le sostanze chimiche vengono spruzzate deliberatamente nei luoghi in cui sono presenti persone dalla pelle scura per aumentare i conflitti tra di loro. La ricerca lo contraddice. Afferma: “Se credere in questa ridicola teoria del complotto indicasse l’esistenza di una malattia, vivremmo in una società altamente patologica”.

È anche un errore credere che, sebbene i teorici della cospirazione non siano malati di mente, appartengano a gruppi sociali specifici. Nemmeno questo è il caso, dice il professore. Van Bruggen. A suo avviso, i cittadini comuni di ogni ceto sociale sostengono molte convinzioni irragionevoli, comprese alcune teorie del complotto. I sostenitori della teoria sui danni dei vaccini sono spesso persone istruite.

READ  I segni del cancro possono essere rilevati fino a 20 anni prima della comparsa dei sintomi

Lo specialista è scettico riguardo all'ipotesi che ci troviamo in un periodo di maggiore popolarità delle teorie del complotto. Indica i dati che mostrano che ce n’erano di più a cavallo tra il XIX e il XX secolo e negli anni Quaranta e Cinquanta. Si sono verificati anche in passato, sia nel Medioevo che nell'antichità.

“La mia idea è che le teorie del complotto siano radicate nello stato mentale del soggetto e siano state parte integrante della condizione umana fin dall'inizio dell'umanità”, afferma il professore. Van Bruggen. È una reazione naturale alle situazioni sociali che causano paura e incertezza. “Pertanto, possiamo aspettarci che emergano teorie del complotto, soprattutto nei momenti in cui si verificano eventi sociali inquietanti”, aggiunge.

Zbigniew Wojciński

zebo/barra/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto