Pilota del Mi-8 assassinato in Spagna. Maxim Kuzminov ha commesso un “enorme errore”


Maxim Kuzmenov, un pilota russo di elicottero Mi-8 di 28 anni, si è arreso agli ucraini dopo essere atterrato su una pista di atterraggio ucraina il 23 agosto. Successivamente è stato rivelato che l'intelligence ucraina era coinvolta nella defezione del russo e in un'operazione speciale per portarlo dalla regione russa di Kursk alla regione ucraina di Kharkiv.

A metà febbraio i media spagnoli hanno riferito che il corpo di Kuzminov era stato ritrovato ad Alicante. Secondo la stampa locale, il pilota è stato ucciso da “professionisti” che lo avevano precedentemente monitorato tramite telecamere di sorveglianza.

Come è morto il pilota russo che ha disertato in Ucraina? Dettagli dell'indagine

Il quotidiano americano “The New York Times” ha pubblicato domenica i dettagli dell'uccisione del pilota russo. Secondo il giornale, Kuzminov viveva nella città costiera di Villajoyosa, dove si è trasferito nell'autunno del 2023. “Questa regione è una nota base della criminalità organizzata russa”, si legge nell'articolo, i cui autori sottolineano che i criminali russi intrattengono legami con con i servizi speciali della Federazione Russa.

In Spagna, Kuzmenov ha vissuto una “vita immodesta”, ha detto un intervistatore del New York Times che indagava sull’omicidio. Il pilota ha visitato bar frequentati da russi e ucraini e ha girato per la città a bordo di una Mercedes Classe S nera.

READ  Esperto: la difesa aerea dell'Ucraina dalla Polonia significa unirsi al conflitto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto