Particelle insolite seguono 444 anni luce dalla Terra

Questa scoperta è stata fatta dagli scienziati dell’Osservatorio olandese di Leiden Utilizzare l’Osservatorio ATacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA). In Cile, il più grande radiointerferometro del mondo. I dettagli sono descritti nel Journal of Astronomy and Astrophysics.

Grazie a questi risultati, possiamo conoscere meglio l’origine della vita sul nostro pianeta, e quindi comprendere meglio le possibilità di vita in altri sistemi planetari. È molto emozionante vedere come queste scoperte si inseriscono nel quadro più ampio, ha affermato Nasanti Pronkin, uno studente laureato presso l’Osservatorio di Leiden.

dimetil etere È una molecola organica che si trova comunemente nelle nubi che formano le stelle, ma non ancora È stato scoperto in un disco protoplanetario. È probabile anche il formiato di metile, l’elemento costitutivo di molecole organiche più grandi.

“È davvero eccitante che abbiamo finalmente trovato queste particelle più grandi nei dischi. Per qualche tempo abbiamo pensato che potesse essere impossibile notarle”, ha detto Alice Booth del Leiden Observatory, coautrice dello studio.

L’etere dimetilico è stato rilevato nel disco protoplanetario Sulla giovane stella Oph-IRS 48Si trova nella costellazione di Ofiuco ed è Dista da noi 444 anni luce. È oggetto di molte ricerche da parte degli scienziati perché ha una “trappola per la polvere” asimmetrica a forma di anacardi. Questa regione potrebbe essersi formata a seguito della nascita di un nuovo pianeta o di una piccola stella compagna. Contiene un gran numero di granelli di polvere con un diametro di diversi millimetri che possono fondersi e trasformarsi in oggetti di dimensioni chilometriche come comete, asteroidi e persino pianeti.

Molecole organiche complesse come l’etere dimetilico si formano nelle nubi che formano le stelle prima che si formino le stelle stesse. Recentemente è stato confermato Trappola di polvere in Oph-IRS 48 È un deposito di ghiaccio in cui possono nascondersi molecole complesse.

Ciò che lo rende ancora più eccitante è il fatto che ora sappiamo che queste particelle complesse più grandi sono disponibili per i pianeti che si formano nel disco. Alice Booth ha aggiunto che questo non era noto in precedenza perché nella maggior parte dei sistemi queste particelle sono nascoste nel ghiaccio.

Studiando queste molecole, gli scienziati possono capire meglio come farlo Le particelle prebiotiche trovano la loro strada verso i pianeti (ad es. con i piedi per terra). Le osservazioni dell’Oph-IRS 48 continueranno con il Very Large Telescope (ELT) dell’ESO, che dovrebbe entrare in funzione alla fine di questo decennio.

dai un’occhiata: Aiutiamo l’Ucraina – puoi aiutare anche tu! – Un sito con annunci

READ  Il massiccio pennacchio del vulcano Tonga ha raggiunto l'oceano medio - 38 miglia nell'atmosfera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.