M. Gedula: L'elenco delle riviste rimarrà e bisognerà lavorarci

Ulteriori lavori sull'elenco delle riviste classificate e la modifica della legge sull'istruzione superiore e sulla scienza sono stati annunciati giovedì dal viceministro della scienza e dell'istruzione superiore, Maciej Gdula, nel podcast della serie “Qual è il problema, signore, in (scientifico ) politica?”

Il Vice Ministro della Scienza è stato ospite del Vicepresidente dell'Accademia polacca delle Scienze, Prof. medico. hab. Dariusz Gemelnyak nel nuovo episodio del podcast “Che succede con la politica (scientifica), signore?” La conversazione si è concentrata principalmente sull'elenco delle riviste classificate, sulle idee per migliorarle e sulla valutazione della qualità dell'attività scientifica.

Quando è stato chiesto al viceministro Gdula quali fossero le sue impressioni sui prossimi 100 giorni di lavoro nel governo di Donald Tusk, ha risposto: “Sono piacevolmente sorpreso dall'atmosfera nel ministero. E il fatto che qui si possa fare qualcosa, perché ho un parlamentarismo diverso.” Esperienza. C’è molto lavoro specifico qui”.

“Certo, abbiamo dovuto risolvere molte cose. C'è stata una nuova divisione del ministero e ci siamo separati dall'istruzione. (…) Le cose che dovevano essere fatte rapidamente erano le questioni degli stipendi e della spesa per l'istruzione,” Egli ha detto.

“C'è stato un aumento immediato del 30% (per scienziati e docenti universitari – PAP). (…) Abbiamo fatto ciò che era necessario”, ha sottolineato il professore. Jamilniak.

Lui ha sottolineato che il Ministero ha concesso al Centro scientifico nazionale la somma di 200 milioni di PLN. “Si tratta del più grande aumento storico della spesa per questa istituzione”, ha osservato Maciej Gdula. Ha menzionato anche l'importo di 180 milioni di PLN che è andato all'Accademia polacca delle scienze.

READ  La guerra in Ucraina. I polacchi imparano a usare le armi. Poligoni di tiro sotto assedio

Egli ha aggiunto che negli ultimi mesi si sono verificati numerosi incontri tra l'amministrazione del Ministero e i rappresentanti dell'istruzione superiore e della scienza. “I 100 giorni ci hanno aiutato a ricostruire i rapporti con la comunità scientifica”, ha affermato.

Alla domanda sul futuro dell'elenco delle riviste classificate, Gdola ha risposto: “L'elenco rimarrà. È stabilito giuridicamente e costituisce la base per la valutazione. La questione è come svilupparlo, secondo quali regole, siamo quelli che sono quelli.” Il viceministro Gdola ha confermato che quello che è successo in precedenza era che il ministro controllava manualmente l'elenco, poiché il controllo manuale della valutazione delle unità accademiche era inaccettabile.

Sottolinea che la creazione dell'elenco e la definizione delle regole per la valutazione delle attività scientifiche spetta al comitato di valutazione scientifica. “Ho la sensazione, mentre parlo con il Professor Szymanski (Philip, Presidente di KEN – PAP), che tutto questo stia andando nella giusta direzione. Il signor Presidente capisce che ci sono regole diverse che si applicano alle riviste nelle scienze esatte, nella tecnologia e life”, e diverse per quanto riguarda le cosiddette HST ovvero le scienze umanistiche, teologiche e sociali. “Il Presidente e l'intero Presidium della Commissione Nazionale per l'Istruzione vogliono consegnare i principi della valutazione delle riviste HST agli studiosi stessi”, ha spiegato Maciej.

Ha riferito che il Ministero della scienza e dell'istruzione superiore sta preparando un emendamento alla legge sull'istruzione superiore e la scienza. “Speriamo che tale proposta sia pronta entro la fine dell'anno”, ha detto il viceministro.

In una conversazione con il vicepresidente dell'Accademia polacca delle scienze, ha menzionato anche il fenomeno del burnout tra gli scienziati. “In passato, il burnout era un fenomeno raro (nella comunità scientifica – PAP), ma oggi accade. Anche le persone abbandonano la scienza a causa del burnout”, ha detto.

READ  In Amazzonia è stato scoperto un fossile di delfino preistorico

Ha aggiunto che la sfida dei prossimi anni – e non solo per il Ministero della Scienza e dell'Istruzione Superiore – sarà attirare i giovani verso il mondo della scienza. “In alcune specialità, reclutare dottorandi o giovani medici per lavorare è un vero problema. La gente addirittura completa un dottorato e se ne va perché lavorare in un'università è visto come qualcosa di difficile e poco soddisfacente”, ha osservato Gdula. Ha ammesso che ciò è legato anche allo stipendio dei giovani scienziati.

E conclude: “Tutti vogliamo che la scienza sia di buona qualità. Secondo me, l'immagine di uno scienziato che si preoccupa principalmente del proprio benessere vale solo per il 10-15% dei ricercatori”.

L'elenco delle riviste scientifiche approvate e dei materiali sottoposti a peer review di conferenze internazionali viene utilizzato per valutare la qualità dell'attività scientifica delle istituzioni e del personale di ricerca. Conformemente a quanto annunciato in precedenza dal ministro Dariusz Wieczorek, la nuova lista, annunciata il 5 gennaio 2024, è stata creata sulla base della lista preparata dalla Commissione nazionale per l'istruzione il 29 giugno 2023. Pertanto, le modifiche relative alle riviste scientifiche che non erano proposti dalla Commissione nazionale per l'istruzione nella decisione e che sono stati rimossi dall'elenco, aggiunto dall'ex capo del ministero, Przemyslaw Czarnik, nel 2023.

Il ministro Wieczorek ha inoltre deciso che nel 2024 un team di esperti della comunità scientifica e rappresentanti delle singole discipline scientifiche preparerà da zero un'altra lista. Il nuovo elenco terrà conto dei valori attuali degli indici bibliografici delle riviste scientifiche, cambiati rispetto al 2019. (PAP)

Anna Bojaska

cenere/barra/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto