La sonda fornisce la prova che “qualcosa” si sta muovendo sotto il ghiaccio della luna di Giove

Europa è una delle lune di Giove ed è anche un obiettivo per la futura esplorazione spaziale. La superficie di questo corpo è ricoperta di ghiaccio e si trova sotto di esso Un oceano di acqua salata liquida. Alcuni studi indicano che la profondità di questo oceano può raggiungere i 90 chilometri. Europa viene trattata come un luogo in cui possibile evoluzione della vita aliena: potrebbe esistere sul fondo dell’oceano Bocche idrotermaliChe ha sostenuto lo sviluppo della vita sulla Terra.

Basato su Scavi archeologici Si ritiene che lo spessore del ghiaccio sia compreso tra 10 e 30 chilometri. Sebbene alcune analisi suggeriscano che in alcuni punti lo spessore potrebbe essere solo di pochi chilometri. Europa è un oggetto con una superficie molto liscia, ma le ricerche dimostrano che è molto fessurata, e ci sono crepe massicce e diffuse chiamate Aree di caos. La cosa che “si nasconde” nelle profondità dell’oceano nascosto è responsabile della sua creazione.

Gli scienziati stanno ancora analizzando le immagini Giunone Investigazioni. Gli astronomi ora confermano una teoria precedente secondo cui la crosta di ghiaccio ai poli nord e sud dell’Europa non è più quella di una volta.

Ciò è stato confermato da altre immagini ad alta risoluzione scattate dalla navicella spaziale Stellar Reference Unit (SRU). Rivelano Zona di disturbo della crosta di ghiaccio E il luogo in cui la salamoia può fluire in superficie.

Le immagini scattate dalla sonda spaziale Juno hanno mostrato grandi blocchi di ghiaccio, pareti ripide, scogliere e creste ghiacciate. Tuttavia, ciò che ha sorpreso i ricercatori è stato Le depressioni irregolari con pareti ripide sono larghe da 20 a 50 km.

READ  Il ritorno di due fantastici giochi Nintendo! Annuncio ufficiale questo mese?

Come afferma Candy Hansen del Planetary Science Institute di Tucson, in Arizona: “La vera migrazione polare avviene quando… La crosta ghiacciata dell’Europa Verrà separato dal suo interno roccioso, causando elevati livelli di stress nella crosta terrestre, portando a modelli di frattura prevedibili.

Lei ha aggiunto:- Questa è la prima volta che questi modelli di frattura vengono mappati nell’emisfero australeCiò suggerisce che la reale influenza dell’escursione polare sulla geologia superficiale dell’Europa è più estesa di quanto precedentemente riconosciuto.

La migrazione polare coinvolge diverse velocità di rotazione dell’oceano sotterraneo e della superficie ghiacciata l’una rispetto all’altra. Gli astronomi ritengono che l’oceano si muova più velocemente della crosta di ghiaccio. Del resto, i risultati sopra menzionati lo indicano Ci sono enormi correnti oceaniche sotto la superficie del ghiaccio che influenzano il movimento del ghiaccioCiò crea processi simili al fenomeno della tettonica a placche che si verifica sulla Terra. È probabile che queste correnti siano guidate dal nucleo dell’Europa e dalla sua gravità Giove E altre lune.

Questa non è la fine delle scoperte spaziali. Sulla base delle immagini, anche il cratere precedentemente catturato è stato “riclassificato”.

Il cratere Gwerne non esiste più. In quello che in precedenza si pensava fosse un cratere da impatto largo 23 chilometri – uno dei pochi documentati in Europa – i dati JunoCam hanno mostrato che il Gwern era una serie di creste intersecanti che creavano un’ombra ovale, ha detto Hansen.

READ  Questa TV ha un grosso problema. Molti polacchi ce l'hanno

Le immagini della sonda spaziale SRU hanno inoltre permesso agli scienziati di vedere complesse reti di creste di ghiaccio intersecanti e macchie scure, con possibili pennacchi di vapore acqueo. È stato osservato anche un corpo unico chiamato “ornitorinco”. (Polacco: ornitorinco), un’area che misura 37 x 67 km2. Qui è possibile vedere un’ampia varietà di forme di ghiaccio, inclusi giganteschi blocchi di ghiaccio che vanno da 1 a 7 chilometri di diametro.

I ricercatori indicano che tali aree potrebbero formarsi a seguito del drenaggio e del collasso di grandi serbatoi d’acqua naturali all’interno del ghiaccio. Inoltre, in alcuni luoghi sono state rinvenute tracce Depositi vulcanici freddi. Questi luoghi potrebbero diventare obiettivi per future missioni spaziali Stanno cercando segni di vita extraterrestre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto