La Russia aumenta drasticamente i tassi di interesse mentre le sanzioni fanno precipitare il rublo

Lunedì la banca centrale russa ha più che raddoppiato i tassi di interesse nel tentativo di stabilizzare i mercati finanziari del paese, dopo che le sanzioni occidentali senza precedenti hanno fatto scendere il rublo fino al 29%.

La banca centrale ha aumentato il suo tasso di interesse chiave al 20 per cento dal 9,5 per cento con una decisione di emergenza per compensare i rischi di un rapido deprezzamento del rublo per la stabilità finanziaria e proteggere i risparmi dei russi dall’estinzione, secondo RIA Novosti, lo stato- agenzia di stampa di proprietà.

Lunedì il rublo è sceso a quasi 118 contro il dollaro USA nel commercio offshore, secondo i dati di Bloomberg, dopo un fine settimana in cui il presidente russo Vladimir Putin era Ha messo le sue forze nucleari in massima allerta Gli Stati Uniti e l’Europa lo hanno scatenato Le punizioni più severe Nel tentativo di isolare il Paese dal sistema finanziario globale.

La banca centrale ha anche affermato che annuncerà più tardi lunedì se le azioni riprenderanno le negoziazioni dopo la cancellazione della sessione mattutina. Il benchmark del paese Moex è sceso di circa il 30% finora a febbraio in valuta locale.

Le mosse del mercato sono arrivate quando l’esercito ucraino ha dichiarato lunedì di aver respinto un’altra notte di attacchi a Kiev, poiché una colonna di truppe russe ha ripetutamente cercato di assaltare la capitale.

L’esercito ucraino ha anche affermato che le forze nemiche hanno continuato ad attaccare aeroporti, sistemi di difesa aerea, infrastrutture critiche e aree residenziali in tutto il paese. Le affermazioni militari russe e ucraine non possono essere verificate in modo indipendente.

READ  Mocne wzrosty na Wall Street w oczekiwaniu na posiedzenie Fed

E la Norvegia ha detto in una prima indicazione di come spingere Mosca ai margini dei mercati globali di domenica Che il suo fondo petrolifero da 1,3 trilioni di dollari, il più grande fondo sovrano del mondo, congelerebbe i suoi investimenti nelle attività russe e inizierebbe a disinvestire dal paese. BP, anche gruppo energetico britannico Egli ha detto Rinuncerà alla sua partecipazione del 20% nella compagnia petrolifera statale russa Rosneft, che detiene dal 2013.

Il rublo era già stato colpito duramente la scorsa settimana, scendendo ai minimi storici sulla scia dell’invasione e dell’imposizione di sanzioni da parte di Stati Uniti ed Europa.

Sabato gli Stati Uniti e i loro alleati hanno inasprito queste misure punitive, prendendo di mira la Banca centrale russa per impedirle di utilizzare le riserve internazionali. Gli alleati occidentali hanno anche deciso di escludere alcuni istituti di credito del paese dal sistema di messaggistica Swift, una parte importante dell’infrastruttura dei pagamenti globali.

I russi stavano formando lunghe code per prelevare denaro dai bancomat, poiché alla banca centrale mancava un meccanismo chiaro per stabilizzare la propria economia e valuta.

La Banca Centrale Russa è intervenuta a sostegno del rublo la scorsa settimana vendendo riserve in valuta estera. Ma le sanzioni del fine settimana contro la banca centrale hanno messo a repentaglio la sua possibilità di continuare a sostenere tale sostegno.

“In poche parole, la capacità della Russia di effettuare transazioni con qualsiasi istituto finanziario a livello globale sarebbe gravemente compromessa, poiché la maggior parte delle banche internazionali in qualsiasi giurisdizione utilizza SWIFT”, ha scritto George Saravelos, analista di Deutsche Bank, in una nota ai clienti.

READ  L'Europa in guerra: sei grafici da conoscere nei mercati finanziari

Saravelos ha aggiunto che si aspetta che i mercati finanziari riflettano i maggiori rischi per l’approvvigionamento energetico, il che ridurrà l’appetito degli investitori per le attività rischiose e potrebbe anche portare a un calo dell’euro.

I mercati finanziari potrebbero vedere un certo deterioramento delle condizioni di finanziamento questa settimana a causa dell’impatto incerto del congelamento degli asset sulla liquidità globale. La Banca centrale europea, la Fed e altre banche centrali dovrebbero intervenire per fornire un forte sostegno se necessario e non escluderemo annunci tra le riunioni”, ha affermato, aggiungendo che è probabile che il rublo e altre valute dei mercati emergenti europei arrivino sotto pressione.

Venerdì, l’agenzia di rating S&P Global Declassato il rating del debito russo a “spazzatura” La situazione, sottolineando il pericolo che un attacco militare all’Ucraina possa rivelarsi ancora più dannoso per i mercati finanziari del Paese.

La banca centrale russa ha cercato di calmare i nervi del mercato domenica, dicendo che avrebbe fornito liquidità illimitata alle banche. “Il sistema bancario russo è stabile e ha una capacità di capitale e liquidità sufficiente per operare in qualsiasi situazione”, ha affermato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.