La RAI come la TVP. I media pubblici come portavoce della campagna di Maloney? – EURACTIV.pl

La Commissione Europea dovrà indagare se il governo di destra italiano stia trasformando la RAI, la televisione pubblica e la radio, nel suo portavoce della propaganda in vista delle elezioni europee. Questa accusa è stata lanciata dal Partito Verde europeo.

Il Partito Verde Europeo ha chiesto alla Commissione Europea di indagare sulla questione dopo che la commissione di vigilanza della RAI del Parlamento italiano ha riconosciuto il diritto dell'emittente pubblica di trasmettere in televisione tutte le manifestazioni politiche prima delle elezioni del Parlamento Europeo senza alcuna mediazione giornalistica.

L'Agcom, l'equivalente italiano del Consiglio nazionale della radiodiffusione, ha respinto la proposta del Primo Ministro del Partito dei Fratelli Italiani (FdI). Giorgio Meloni E i suoi partner di coalizione, la Lega e il partito Noi Moderati, dovrebbero concedere ai ministri tempo illimitato durante la campagna per riferire sulle loro attività nel governo e nei singoli organi statali.

Tuttavia, possono ancora farlo, ma per un periodo limitato, dicono i critici, e il campo dominante può usarlo per condurre una campagna elettorale.

– Meloni vuole trasformare i media italiani in un canale di propaganda dei partiti al potere – ha detto in un'intervista al britannico Guardian. Capo EichhoutIl candidato principale del Partito Verde Europeo alle elezioni del Parlamento Europeo.

– Media liberi e indipendenti sono una condizione per elezioni giuste e libere. Tra questi interventi del governo Meloni c'è anche il partito aderente al Partito popolare europeo (Forza Italia, ndr). Ursuli van der LeyenHa aggiunto che ciò viola la libertà dei media e l'integrità del processo elettorale.

“Il pubblico sarà confuso”

I media sono i custodi della democrazia – ha sottolineato Terry ReintkeUn altro candidato di punta del Partito Verde Europeo.

READ  10 La migliore ipoclorito di sodio metodo ruffini del 2024 - Non acquistare una ipoclorito di sodio metodo ruffini finché non leggi QUESTO!

– Non possiamo accettare che la Meloni cerchi di trasformare i media pubblici in portavoce della propaganda del suo governo – ha aggiunto.

Ha promesso che i Verdi “sosterranno i giornalisti che lottano coraggiosamente per la libertà dei media e la verità in Italia e in tutta Europa”.

Sia i media privati ​​che quelli pubblici aderiscono alle norme dell'Agcom, ma la Commissione parlamentare di vigilanza per Roy si riserva il diritto di apportare modifiche alle norme, che l'organismo approva o respinge.

– Per la prima volta valgono regole diverse per le televisioni pubbliche e private – ha sottolineato Elisa Giomi Dell'Agcom, l'unico membro del comitato esecutivo dell'organizzazione ha votato contro tutti gli emendamenti introdotti dalla commissione parlamentare.

– Ha detto che sarebbe difficile per i telespettatori della RAI sapere dove finiscono le azioni del governo e dove inizia la campagna elettorale.

“Riesci a immaginare qualcosa di simile alla BBC?”

La settimana scorsa, nell'ambito di una protesta contro il cambiamento delle norme, i conduttori delle tre principali reti televisive della RAI hanno letto in onda un comunicato dell'Associazione dei giornalisti di Uzikrai, in cui accusavano il governo di trasformare la RAI in un portavoce della propaganda.

Daniele MachedaIl presidente dell'Uzigrai ha criticato l'Agcom per aver approvato i termini del diritto illimitato alla trasmissione dei comizi politici sulla Rai.

– Qualunque sia il partito che fa campagna, non può essere così – ha detto.

– Le manifestazioni in diretta, soprattutto senza la partecipazione di giornalisti e commentatori, possono essere trasmesse su YouTube e altri social media, non sui siti di notizie dei media pubblici. Riesci a immaginare la BBC che fa una cosa del genere? – ha chiesto retoricamente, come citato dal Guardian.

Il governo prende il controllo dei media pubblici

Da quando è salito al potere nell’ottobre del 2022, il governo Maloney è stato accusato di aver violato la libertà dei media, in particolare con la sua graduale acquisizione dei media pubblici.

READ  40 La migliore macina semi del 2022 - Non acquistare una macina semi finché non leggi QUESTO!

Secondo quanto riportato dai media italiani, lo scorso anno il governo ha tentato di esercitare pressioni sulla RAI. Successivamente il presidente della RAI si è dimesso Carlo FortesSe n'è andato citando le pressioni del governo.

Si sono dimessi anche dall'associazione alla RAI Fabio FazioUn conduttore noto per il suo talk show e le sue opinioni di estrema sinistra Louisiana Litzetto, l'attrice e comica, nei suoi cabarettisti prende in giro principalmente i conservatori. Entrambi se ne sono andati dopo che i loro contratti di talk show non sono stati rinnovati Com'è il tempo?.

Fortes se ne andò un anno prima della fine del suo mandato e fu immediatamente sostituito da un nominato dal governo Roberta SergioFinora qualcuno ricopriva un posto dirigenziale in Rai e le cui opinioni – secondo la fonte Rai – “come una bandiera”, cambiano a seconda di chi è al potere.

Divenne direttore generale della RAI Giampalo Rossi, ex membro del consiglio di amministrazione dell'azienda, è stato supportato dai fratelli italiani. Rossi è noto per i suoi post controversi e il suo supporto su Twitter Vladimir Putin, Donald Trump Sono Vincitore Orban.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto