Jaroslaw Kaczynski in ricordo del disastro di Smolensk: bisognerebbe usare la parola “attacco”

  • Jarosław Kaczynski ha osservato che gli obiettivi principali della politica di Lek Kaczynski sono una nazione forte, uno Stato forte e l'integrazione dell'Europa centrale.
  • Anche il presidente del PiS Antoni Macierevich ha menzionato le attività della commissione. – Ho sentito da diversi giornalisti che “non ha presentato prove dell'aggressione”. Bene, ha consegnato. È stato un attacco. Ha insistito affinché lo sapessimo e ne parlassimo
  • – Dobbiamo fare insieme una grande marcia, che da un lato si svolgerà effettivamente il 10 maggio, ma anche in senso simbolico, cioè cercando costantemente di garantire che ce ne sia una sola in Polonia. Il capo del Dipartimento di Legge e Giustizia ha insistito sul fatto che il disastro non si sarebbe mai più ripetuto
  • Informazioni più importanti possono essere trovate sulla home page di Onet

– È stato un crimine premeditato, è stato intenzionale, non è stato commesso per divertimento. Era stato progettato per indebolire seriamente la Polonia in modo che non potesse mai più emergere come stato indipendente. Gli occupanti tedeschi e sovietici camminavano fianco a fianco. Jaroslaw Kaczynski ha detto alla folla durante una cerimonia davanti al palazzo presidenziale che la Polonia non dovrebbe esistere.

Il responsabile di Legge e Giustizia ha aggiunto: “C'erano quelli che credevano che la Polonia dovesse restare, ma uno Stato subordinato agli altri”. – Si tratta della Germania. Cosa possono fare i polacchi per porre rimedio a questa situazione? Da una parte c’è la forza della nazione, il patriottismo, dall’altra c’è la forza dello Stato. Vorrei descrivere brevemente la direzione del mio compianto Mr. “Fratelli, questo è un tentativo di ricostruire il patriottismo polacco, cioè la forza della nazione polacca, ma anche un tentativo di costruire uno Stato forte”, ha detto Jaroslaw Kaczynski.

– La Polonia ne aveva bisogno più di ogni altra cosa, ma è stato molto triste per coloro che già accettavano la Polonia come entità, ma come uno Stato debole e subordinato, che convive con i complessi della nazione – ha aggiunto.

Il capo del Dipartimento di diritto e giustizia ha osservato che “Lech Kaczyński ha raggiunto alcune delle prove portate dalla storia polacca”. – Innanzitutto, questa non è la fonte più remota di “unità”. Quindi “Unity” è una grande campagna per ricordare e onorare le persone. Dopotutto, Jaroslav Kaczynski ha detto che prima bisogna dimenticare “l'unità”.

– Lech Kaczyński tocca le risorse più profonde, l'eredità dei soldati maledetti o l'eredità dell'esercito nazionale, e si riferisce a tutto ciò che c'è di forte, patriottico e decisivo nella nostra storia. Voleva cambiare la mentalità di coloro che in quella parte del Polo avevano perso la fiducia nella propria nazione, spesso senza alcuna colpa. Ha detto che questo quadro della storia polacca gli è stato insegnato durante l’era comunista e dopo il 1989.

Jarosław Kaczyński ha valutato che le azioni costanti di suo fratello “preoccupano sicuramente le forze potenti in patria e all'estero”. – Questa è certamente la causa di questa tragedia, di questo attentato. Dovresti usare la parola “cospirazione” qui. Una tragedia è una tragedia, sì, è una tragedia, ma è un attacco – ha osservato il leader del PiS.

– Un altro aspetto di questa politica è legato all'indebolimento del nemico più pericoloso, cioè la Russia, soprattutto nel campo dell'energia, che non si farà intimidire da quest'arma energetica e avrà meno soldi per le armi. (…) Lech Kaczyński lo ha fatto con grande maestria e grande efficienza – ha sottolineato Jarosław Kaczyński.

Il presidente del PiS ha detto che anche l’ex presidente ha cercato di unificare la nostra parte d’Europa. – Anche qui ha lavorato con una certa efficienza. Ci sono stati momenti importanti qui, come il caso dell'aggressione contro la Georgia e l'intervento del mio defunto amico. Fratello. Queste cose hanno giocato un ruolo fondamentale nel far sì che i nostri nemici decidessero che questi politici non dovessero più agire e che questa dovesse essere la soluzione finale, perché solo quella avrebbe portato risultati concreti. Stalin disse: No amico, nessun problema. Lech Kaczyński era un problema per la Russia e non solo, motivo per cui ha dovuto andarsene, ha detto il leader del PiS.

READ  40 La migliore Mobili da soggiorno del 2022 - Non acquistare una Mobili da soggiorno finché non leggi QUESTO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto