Italia. Il corona virus come l’influenza? Specialista della quarta dose

Giovedì, in un’intervista al Courier Della Cera, un professore dell’Università di Milano ha detto di voler differenziare. Vaccinato io Non vaccinato.

Solo per i primi, l’infezione da SARS-CoV-2 può essere come prendere l’influenzaViene catturato da milioni di persone ogni inverno ed è pericoloso nello 0,1%. Casi, in particolare quelli di età superiore ai 70 anni con malattie gravi, ha detto Afriknani.

Insistito La scorsa primavera, prima dell’inizio della vaccinazione di massa, il COVID-19 in Italia rappresentava il 2-3 per cento dei decessi. Casi. A quel tempo, come ha notato l’immunologo, c’erano 30-40 mila numeri al giorno. Infezioni e 700-900 morti.

Attualmente, il 94% dei soggetti è vaccinato, ha detto Afriknani. Popolazione over 60 e prevalenza della variante Omigron, La media giornaliera dei contagi è di 172mila. E 216 morti. Che a sua volta significa Tasso di mortalità del governo 19 0,12%.

L’esperto ha osservato che alcuni Paesi si stanno orientando verso regole di vita normali in presenza del virus, con basse restrizioni e un certo numero di decessi, che, come lui stesso descrive, è “accettabile”.

– Dopo il picco di epidemie previsto per fine gennaio, possiamo tollerare 3-4mila persone in Italia? Morti COVID-19 al mese da quattro a cinque mesi in cambio di una vita normale? chiese lo scienziato. ha commentato Abrignani Non ha senso somministrare una quarta dose dello stesso vaccino due o tre mesi dopo la vaccinazione precedente.Come avviene in Israele.

Vaccinazioni ripetute a breve termine “sopprimono la risposta immunitaria” L’esperto ha notato. A suo avviso, la situazione sarebbe diversa se la quarta dose fosse un prodotto sviluppato contro la variante Omigron. Allora sarebbe come vaccinarsi per l’influenza ogni anno. – Cambiamo questo prodotto ogni inverno, non stiamo parlando della terza o quarta dose, ma di un nuovo vaccino – ha sottolineato.

READ  Rivolte in Kazakistan. Slavomir Chiragovsky: Cosa guadagnerà la Russia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *