Inquinamento luminoso – è ancora troppo buio per notare questo problema in Polonia?

Dottorato di ricerca Andrei Z. Kotarba, professore. Centro di ricerca spaziale dell'Accademia polacca delle scienze
Simposio EUROREG

Siamo abituati a vivere in un ambiente inquinato da fattori chimici, biologici, radiologici, gassosi, polverosi e sonori…

A questo elenco va aggiunta un’altra fonte di inquinamento: la luce emessa dagli esseri umani dopo il tramonto. Il suo eccesso ha degradato l'ambiente notturno naturale della Terra e ha un forte impatto sul funzionamento del corpo umano. In molti luoghi della Polonia e dell'Europa di notte è così luminoso che lì non si dovrebbe usare il termine “notte”, perché lì la vera notte non si verifica mai.

Durante il discorso del professore. Kotarba presenterà il problema dell'inquinamento luminoso. Spiegherà come l'eccesso di luce notturna danneggia le persone e l'ambiente. Descriverà i metodi per misurare il grado di inquinamento luminoso e quindi utilizzare queste misurazioni per mostrare l'entità dell'inquinamento luminoso in Polonia. Infine, verrà spiegato come affrontare l'eccesso di luce dopo il tramonto e chi dovrebbe sentirsi responsabile di tali azioni. La domanda a cui si cercherà una risposta con i partecipanti al simposio è: se e come affrontare l'inquinamento luminoso nel nostro Paese.

***

Seminari in formato ibrido. Puoi parteciparvi Sulla piattaforma ZOOM.

Partecipare a una riunione ZOOM costituisce consenso alla registrazione. Gli organizzatori invitano a leggere quanto segue Impegno informativo Per gli spettatori dei webinar EUROREG. Ai partecipanti viene chiesto di spegnere telecamere e microfoni. Le domande dovrebbero essere poste al relatore nella chat.

Le registrazioni video dei seminari precedenti sono disponibili all'indirizzo Archivio seminari.

fonte: Seminari | EUROREG – Centro per gli studi regionali e locali europei (uw.edu.pl)

READ  Gli antichi elefanti africani sono minacciati dai cambiamenti climatici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto