Il riscaldamento globale e altri cambiamenti ambientali stanno promuovendo la resistenza agli antibiotici

Il cambiamento climatico, l'inquinamento e il degrado ambientale contribuiscono alla diffusione della resistenza agli antibiotici: riferiscono i ricercatori polacchi in “Environmental Pollution”.

Antibiotici È considerata una delle più grandi conquiste della medicina del XX secolo, poiché la sua introduzione ha ridotto il tasso di mortalità dovuta a infezioni batteriche e ha contribuito ad allungare l’aspettativa di vita. Tuttavia, una conseguenza del loro uso diffuso negli esseri umani e negli animali è la comparsa e la diffusione di ceppi resistenti a questi farmaci. Come stimato, nel 2019 dovuto Resistenza agli antibiotici Nel mondo sono morte 4,95 milioni di persone, tra cui quasi un milione di bambini.

Oltre all’uso eccessivo e inappropriato degli antibiotici negli animali e nell’uomo, i cambiamenti ambientali possono essere un fattore che contribuisce alla diffusione della resistenza a questi farmaci. Questi fattori includono il riscaldamento climatico, le emissioni di pesticidi e metalli pesanti, l’inquinamento da microplastiche e i cambiamenti nella diversità microbica – riferiscono gli scienziati polacchi sulla rivista “Environmental Pollution” (DOI: 10.1016/j.envpol.2024.123649).

“Prima di tutto, in condizioni di alte temperature, possiamo aspettarci una maggiore incidenza di infezioni batteriche e intossicazioni alimentari, che portano ad un aumento del consumo di antibiotici. In secondo luogo, in condizioni di alte temperature, il trasferimento genico orizzontale, che comporta il trasferimento di informazioni I geni immagazzinati nei plasmidi si verificano più facilmente e possono verificarsi tra batteri della stessa specie o di specie diverse, e questo è uno dei modi più importanti per la diffusione dei geni della resistenza agli antibiotici. potrebbe verificarsi un cambiamento: “Danneggiare le infrastrutture igienico-sanitarie, rilasciare acque reflue non trattate. Questi sono una fonte importante di antibiotici e batteri resistenti. Di conseguenza, il pool di geni di resistenza nell’ambiente si arricchisce. In quarto luogo, un clima che si riscalda significa un problema crescente nell’accesso all’acqua potabile, “soprattutto nelle aree a basso sviluppo economico. Ciò può portare ad un aumento dell’uso di antibiotici ed espone anche le persone ad acqua potabile contaminata da essi e da batteri resistenti”. “, spiega l'autore principale. Per lavoro, il professor. Piotr Rzemski del Dipartimento di Medicina Ambientale, Università di Medicina di Varsavia. Karol Marcinkowski a Poznań, nelle informazioni fornite al PAP e al sito Nauka w Polsce.

READ  La mosca bandito è un acrobata aerodinamico in grado di catturare la sua preda in volo

Gli autori delle analisi suggeriscono che la resistenza agli antibiotici potrebbe essere rafforzata anche dall’inquinamento microplastico. La sua superficie idrofobica favorisce la crescita batterica, motivo per cui il trasferimento genico orizzontale tra batteri avviene più velocemente in sua presenza. Le microplastiche possono anche assorbire gli antibiotici e trasportarli, insieme ai batteri resistenti, su lunghe distanze, soprattutto in ambienti acquatici. “È stato scoperto che i geni della resistenza sono presenti sulla superficie delle microplastiche presenti negli ecosistemi sia di acqua dolce che salata, nel percolato proveniente da discariche e discariche, nonché nel suolo agricolo”, spiega il professore. Rumeno.

L’esposizione dei batteri ai pesticidi e ai metalli pesanti nell’ambiente può a sua volta portare alla nascita e alla diffusione di meccanismi che riducono la tossicità di queste sostanze chimiche. “Si scopre che questi meccanismi, che si basano, ad esempio, su enzimi coinvolti nella degradazione dei pesticidi organici o su pompe di efflusso, consentendo la rimozione di composti dannosi dalla cellula batterica, possono anche svolgere un ruolo nel ridurre la sensibilità dei batteri alla agenti specifici classi di antibiotici, e non si può ignorare questo effetto, tenendo conto che l'attività umana contribuisce ogni anno all'emissione di metalli come mercurio, cadmio e piombo, che possono rimanere a lungo nel suolo e nell'acqua e accumularsi negli organismi viventi organismi. E solo nel 2020 il consumo globale di pesticidi in agricoltura ha raggiunto i 2,7 milioni di tonnellate Principi attivi: Roman.

I ricercatori sottolineano inoltre l’importante ruolo dell’elevata diversità microbica nel ridurre la diffusione della resistenza agli antibiotici nell’ambiente. Crea una barriera biotica basata sull’evoluzione delle relazioni tra gli organismi che compongono la comunità, sull’uso efficiente di una serie di nutrienti e sulla presenza di organismi in grado di controllare efficacemente lo sviluppo di batteri resistenti agli antibiotici. Se la diversità è bassa, le invasioni di batteri resistenti agli antibiotici e la diffusione dei geni di resistenza tra i microrganismi nativi possono verificarsi più rapidamente. Il declino della diversità microbica è facilitato dai cambiamenti climatici e dalla chimica ambientale e dalla trasformazione fisica.

“Gli obiettivi della salute pubblica e della protezione dell'ambiente stanno convergendo e devono completarsi e rafforzarsi a vicenda. La resistenza agli antibiotici e il cambiamento ambientale rappresentano una delle più grandi sfide che l'umanità deve affrontare nel 21° secolo e dobbiamo risolverli insieme, non separatamente.” Coautore della pubblicazione, il prof. Andrzej Wahl, presidente dell'Associazione polacca per la sanità pubblica.

Una sfida crescente è la resistenza batterica a più di un antibiotico bersaglio e ai cosiddetti antibiotici dell’ultima possibilità. Minacce particolari includono, tra gli altri: bacilli della tubercolosi multiresistenti, ceppi di Staphylococcus aureus resistenti alla meticillina, enterococchi resistenti alla vancomicina e Clostridium difficile, Enterobacteriaceae resistenti ai carbapenemi e batteri Gram-negativi resistenti alla colistina.

READ  La NASA ha inaspettatamente rivelato l'immagine della "prima luce" del telescopio spaziale James Webb

La scienza in Polonia

Io /agt/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto