Potrebbe essere stata un’esplosione di kilonio. “Per la prima volta cerchiamo qualcosa di nuovo e insolito”

Gli astronomi dell’American University at Northwestern pensano di aver notato un bagliore dopo uno straordinario evento spaziale noto come kilonew. I raggi X hanno aiutato.

Kelowna (. kilonova) formato dalla collisione di due stelle di neutroni estremamente dense, i resti di stelle che furono distrutte dalle esplosioni di supernova. Gli astronomi ritengono di essere stati in grado di individuare un’aurora nei raggi X dopo questo evento, che è stato soprannominato GW170817.

Il team di ricerca suggerisce che quando i detriti si sono sparpagliati dopo l’impatto, lo shock risultante, come un boom sonico, ha riscaldato il materiale circostante. Ciò ha portato alla produzione di raggi X.

Un effetto simile potrebbe anche essere causato dalla caduta di materiale verso il buco nero a causa della fusione di stelle di neutroni, quindi gli astronomi avvertono che la scoperta è incerta. In ogni caso, sarà la prima scoperta del genere nota alla scienza.

“Siamo entrati in un territorio inesplorato studiando gli effetti delle fusioni di stelle di neutroni”, ha detto Abrajita Hajela, una studentessa di astrofisica alla Northwestern University. – Per la prima volta stiamo cercando qualcosa di nuovo e sconosciuto. Questo ci dà l’opportunità di studiare e comprendere nuovi processi fisici che non sono stati osservati prima, ha aggiunto.

La visione di un artista illustra gli effetti dell’esplosione del “Killon”.NASA/CXC/M. Weiss

Sono necessarie ulteriori ricerche

L’evento della stella di neutroni era già noto alla scienza dopo la fusione del 17 agosto 2017, che ha causato il primo rilevamento di un tale evento da parte delle onde gravitazionali, o onde spazio-temporali. Gli astronomi continuano a studiare la regione per vedere come si sta evolvendo.

READ  Gli scienziati sviluppano un sistema a guida laser in grado di inviare un veicolo spaziale su Marte in 45 giorni

Gli scienziati hanno osservato l’emissione di raggi X poco dopo l’evento utilizzando il telescopio spaziale Chandra della NASA, ma l’emissione ha iniziato a svanire all’inizio del 2018. Tuttavia, il team di Hajela ha dimostrato che la diminuzione della luminosità si è interrotta nel 2020 e che le emissioni di raggi X sono rimaste pressoché costanti.

“La luminosità persistente dei raggi X è ciò che indica che si è trattato di un evento insolito”, hanno affermato i membri del team.

“Hai bisogno di una fonte di raggi X completamente diversa per spiegare ciò che stiamo vedendo”, ha detto in una nota Raffaella Margotti, un’astrofisica dell’Università della California, a Berkeley.

La determinazione della causa ultima di questo fenomeno richiederà ulteriori ricerche. Se è davvero un kilonew, i ricercatori si aspettano che le emissioni di raggi X e radio diventino sempre più luminose mentre lo shock continua a penetrare nell’ambiente circostante. Tuttavia, se si tratta di un buco nero, le emissioni dovrebbero diminuire o rimanere costanti.

Fonte immagine principale: NASA/CXC/M. Weiss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.