Il pezzo di terra dove “si annidano” Mosca e Pechino. Gli esperti avvertono

È stato messo in vendita l’ultimo terreno privato di 60 chilometri quadrati, strategicamente situato nell’arcipelago artico delle Svalbard. Come sottolineano gli esperti, i potenziali acquirenti potrebbero essere persone o aziende legate a Mosca o Pechino.

Proprietà nell’estremo nord

La proprietà, che non ha alcuna edificazione, si trova sull’isola di Spitsbergen ed è situata in riva al mare. Il suo proprietario è Kuldspids AS, registrato in Norvegia. In passato, l’azienda ha esplorato la zona alla ricerca di carbone e minerali di amianto, ma alla fine non ha aperto una miniera lì.

Il resto dell’articolo è sotto il video

Guarda anche: Il mondo degli affari dice: Golden Deal

Secondo le informazioni fornite dall’emittente pubblica norvegese NRK, attualmente la maggioranza delle azioni della Kuldspids AS, per la precisione il 50,2%, è di proprietà di una donna russa residente in Lettonia e cittadina norvegese dal 1995. Questa donna ha gradualmente acquistato azioni societarie nel corso degli anni.

La NRK riferisce che i russi trasportano pesce nella baia accanto alla quale si trova il terreno in vendita.

Avvisi di acquisizione

Secondo l’esperto di sicurezza Tom Roseth, sebbene la Russia possieda già proprietà immobiliari alle Svalbard (ai sensi del Trattato di Spitsbergen del 1920), sarebbe un peccato se la terra finisse nelle mani dello Stato russo o della Cina. I servizi speciali norvegesi PST, interessati a questa questione, hanno messo in guardia nel loro rapporto del 2024 sulle acquisizioni da parte di investitori russi e cinesi in aree strategiche dell’estremo nord.

In una lettera ottenuta dai giornali “Svalbardposten” e “Aftenposten”, un rappresentante del governo norvegese ha chiesto alla Kuldspids AS di interrompere la vendita e di ritirare l’annuncio. Nel documento si sottolinea che “se l’operazione sarà completata, l’accordo non avrà alcuna conseguenza giuridica”, sottolineando che sarà necessario ottenere l’approvazione del Ministero dell’Industria e del Commercio.

READ  Grande cambiamento in Russia. Sergei Shoigu perde la sua posizione e Vladimir Putin nomina il suo successore

Tuttavia, l’avvocato che rappresenta il proprietario terriero, Per Kyllingstad, non è d’accordo con questa interpretazione. – Ritiene che ciò costituirebbe una violazione del Trattato di Spitsbergen. Aggiunge che il caso è ufficialmente legato alla vendita di azioni della società.

L’ultima volta che una grande proprietà privata è stata messa in vendita alle Svalbard è stato nel 2016. All’epoca Russia e Cina erano interessate, ma il terreno alla fine è stato acquistato dallo Stato norvegese.

Trattato di Spitsbergen: di cosa si tratta?

Il Trattato di Spitsbergen consente a 46 paesi, tra cui Russia e Cina, di firmare attività commerciali. La Norvegia, che supervisiona le Svalbard, è obbligata a trattare ciascun paese allo stesso modo. La Polonia ha una stazione di ricerca a Hornsund nello Spitsbergen.

Nel 2022, dopo l’invasione su larga scala dell’Ucraina da parte della Russia, Katarzyna Zysk dell’Istituto norvegese per gli studi sulla difesa ha avvertito in un’intervista che le Svalbard potrebbero diventare un punto critico tra Russia, Norvegia e l’intero Occidente. L’esperto ha spiegato che la Russia non è d’accordo con alcuni aspetti dell’interpretazione norvegese di questo trattato: l’accordo è scritto in un linguaggio vecchio e impreciso ed è stato tradotto con alcune differenze di grande importanza.

Valuta la qualità del nostro articolo:

Il tuo feedback ci aiuta a creare contenuti migliori.

fonte:

PAP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto