I colloqui proseguiranno in formato Normandia nel Donbass

  • I colloqui sono durati circa 8 ore e “non sono stati facili” – ha affermato Dmitry Kozak, vicepresidente dell’amministrazione del presidente Vladimir Putin.
  • Riassumendo l’incontro di mercoledì a Parigi, Kozak ha affermato che “i progressi nei negoziati sono zero”, ma si aspetta di più a Berlino.
  • L’Eliseo ha confermato l’esistenza degli accordi di Minsk sul Donbass. “Il cessate il fuoco non è negoziabile e deve essere mantenuto indipendentemente da altri accordi”, afferma la dichiarazione.
  • – C’è il desiderio di lavorare su questioni di disaccordo – ha affermato Andrei Yermak, capo dell’ufficio del presidente ucraino Volodymyr Zhelensky.
  • Ulteriori informazioni simili possono essere trovate sulla homepage di Onet

Dmitry Kozak, vicepresidente dell’amministrazione del presidente Vladimir Putin, ha affermato che continueremo i colloqui sull’Ucraina. “Molti problemi rimangono irrisolti”, ha detto.

I colloqui sono durati circa 8 ore e sono stati giudicati “non facili” da un politico russo. Secondo Kozak, nessuno dei piani dei separatisti ha ricevuto una risposta positiva o negativa da Kiev. Ha aggiunto che senza di essa non ci sarebbero stati progressi nei colloqui.

Il rappresentante di Putin ha annunciato che i colloqui si terranno a Berlino con la partecipazione di ministri degli Esteri e consiglieri politici.

L’Eliseo ha confermato l’esistenza degli accordi di Minsk sul Donbass. “Il cessate il fuoco non è negoziabile e deve essere mantenuto indipendentemente da altri accordi”, ha aggiunto. “Ci impegniamo a risolvere le controversie”, si legge nella nota.

“Disponibilità a lavorare su questioni extracontrattuali”

– Disponibilità a lavorare su questioni di disaccordo – ha affermato Andrei Yermak, capo dell’ufficio del presidente ucraino Volodymyr Zhelensky. “È importante mantenere un cessate il fuoco”, ha affermato, aggiungendo che “l’intensificazione attorno ai confini dell’Ucraina è una priorità”. “Credo che tutte le parti debbano raggiungere un accordo”, ha detto Jermaine.

READ  Ministero degli Esteri: non fatevi ingannare dalla disinformazione di Mosca

Kozak ha detto che si aspetta che l’Ucraina non consenta esercitazioni militari internazionali ai suoi confini, che sono consentite dalla legge ucraina. Il politico ha aggiunto che non ha senso chiedere di fermare l’espansione della Russia sospendendo le esercitazioni militari nel proprio territorio. Ha sottolineato la necessità di concentrarsi sulle esercitazioni militari occidentali al confine russo e ha affermato che questo non era il caso della sicurezza dell’Ucraina.

Tutti erano d’accordo sul fatto che il modulo Normandia non poteva essere creato fino a quando tutte le parti non avessero concordato cosa significassero veramente gli accordi di Minsk, ha osservato Kozak. Ha notato che la Russia era pronta a esercitare un’influenza sui separatisti nell’Ucraina orientale e che i separatisti stavano approfittando della situazione.

– Colloqui a quattro tra Ucraina, Russia, Francia e Germania I colloqui sull’accordo con l’Ucraina orientale sono ripresi in formato Normandia e tutte le parti hanno espresso la loro volontà di lavorare per risolvere le controversie esistenti – ha concluso Yermak in un’intervista ai giornalisti. Ha stimato che il documento congiunto delle interviste di Parigi è stato il primo documento ad essere riconosciuto da tutte le parti dal dicembre 2019.

Riassumendo l’incontro di mercoledì a Parigi, Kozak ha affermato che “non ci sono stati progressi nei negoziati”, ma che si aspettava di più a Berlino. Ha affermato che la situazione nelle regioni separatiste dell’Ucraina e la tensione al confine dove sono di stanza le truppe russe sono due questioni diverse.

Siamo felici che tu sia con noi. Iscriviti alla newsletter di Onet per ricevere i nostri contenuti di maggior valore

READ  Alla Glenko ha mostrato cosa hanno fatto gli italiani con la bandiera russa. "Grazie" [WIDEO]

(ww)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.