Guerra di Russia e Ucraina. Si diceva che fosse un traditore. Ha sostenuto i suoi connazionali. “Lascia il nostro paese!”

Un calciatore esperto ha suscitato da tempo grandi passioni nel Paese. Secondo molti ucraini, quando ha firmato il contratto con lo Zenit San Pietroburgo, Yaroslav Rakiki ha messo i suoi interessi prima della situazione tra Russia e Ucraina. Compie 32 anni all’inizio di marzo Tuttavia, ha deciso di rescindere il contratto con il club.

Molti fan avevano rancore contro Rakicki. Lo consideravano un amante della Russia e sottolineavano che durante le partite della nazionale non sempre teneva una mano sul cuore durante la riproduzione dell’inno nazionale. Inoltre, secondo loro, non lo cantava sempre. Dall’invasione militare dell’Ucraina, il calciatore ha più volte sottolineato di essere contrario alla guerra.

In precedenza, Rakiki ha postato su Instagram l’immagine della bandiera ucraina, sotto la quale ha postato una breve firma di opposizione alla guerra. Oggi, il calciatore 32enne ha protestato ancora una volta sui social media contro la situazione in Ucraina.

“L’umanità governa il mondo, la gentilezza e l’amore per la patria, per la madre, per i bambini e per la famiglia. È impossibile rimanere in silenzio. Soffriamo per la patria, per l’Ucraina! Gli ucraini pacifici vengono uccisi dai soldati russi. Noi non hanno bisogno di essere liberati! Lasciate noi e la nostra Ucraina! No! Il vantaggio di discutere sull’influenza della propaganda, sul fatto che la Russia sta fuorviando i suoi cittadini. Non ti è stata detta la verità. Auguro il bene e la pace nella libertà -amare l’Ucraina!” – ha scritto Rakicki.

READ  La FIFA non vuole escludere la Russia. Lo spareggio con la Polonia potrebbe essere rinviato

E Andriy Yarmolenko, calciatore ucraino del West Ham, ha subito commentato il post, che ha urlato dopo aver segnato un gol contro l’Aston Villa. Nel suo post, il concorrente ha inserito diversi emoji del battito delle mani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.