Grande sensazione su Marte. La Cina ci crede veramente

Gli scienziati sono costantemente alla ricerca di modi per colonizzare Marte. Un prerequisito per queste attività è il funzionamento della vegetazione presente, e non solo di quella racchiusa negli habitat. Ora un team cinese ha scoperto una specie selvatica che può sopravvivere sulla superficie rossa.

Il muschio unico studiato dagli scienziati non è… unico. Può essere trovato nel deserto del Mojave negli Stati Uniti, in Tibet e persino in Antartide. La pianta può tollerare la siccità, il freddo estremo e alti livelli di radiazioni. Queste condizioni ricordano molto la situazione su Marte. I risultati della ricerca su questa tipologia sono stati pubblicati sulla rivista “Innovation”.

Scuola di sopravvivenza su Marte

Lì si possono trovare informazioni che indicano le proprietà davvero eccezionali del muschio del deserto Syntrichia caninervis, che potrebbe presto diventare un potenziale candidato per un viaggio dalla Terra a Marte. Non solo è sopravvissuto in condizioni estremamente difficili, ma è anche “tornato in vita” dopo una disidratazione quasi completa. Gli scienziati erano molto esigenti nei suoi confronti. Li conservarono per cinque anni a -80°C e fino a 30 giorni a -196°C.

Il muschio si occupava anche delle radiazioni gamma. Ha affrontato facilmente una dose di 500 grigi, mentre una dose 10 volte inferiore negli esseri umani provoca convulsioni e morte. Inoltre, un team dell’Accademia cinese delle scienze di Urumqi è riuscito a far crescere la pianta in un laboratorio speciale dove sono state ricreate le condizioni trovate su Marte. Parliamo della temperatura, pressione, presenza di gas e radiazioni ultraviolette tipiche del Pianeta Rosso. Non solo la pianta sopravvisse a questa scuola di vita, ma fu anche in grado di iniziare a crescere.

READ  I creatori di Forza Motorsport hanno cambiato il controverso sistema e apportato miglioramenti fondamentali, ma a scapito dei contenuti

Fonte immagine: ESA/DLR/FU Berlino

Fonte del testo: sciencewpolsce.pl, PAP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto