Frederiksen ha ricevuto il Lech. “La ragione principale dei problemi del club è la mentalità”.

Oggi allo stadio ENA si è tenuta la conferenza stampa di benvenuto per il nuovo allenatore del Lech Poznań, Niels Frederiksen. L’allenatore danese ha risposto per un’ora e mezza alle domande dei giornalisti. Le sue dichiarazioni hanno mostrato una grande prontezza oggettiva. Tuttavia, mancava ciò che più interessava ai fan: i dettagli. Non sono stati resi noti i nomi dei giocatori che daranno l’addio ai “Collegors”, e non sappiamo ancora chi diventerà l’assistente di Frederiksen. Tuttavia, il nuovo allenatore del club è riuscito a criticare la situazione sulle strade di Poznań.

Ascoltando le parole di Nils Frederiksen si ha l’impressione che sia un allenatore che, rispetto a John van den Bromme, parla di calcio in modo più analitico e dettagliato. Durante la conferenza stampa, il danese ha cercato di spiegare in dettaglio diverse questioni che lo preoccupano. Il racconto dell’allenatore conferma chiaramente quanto appreso durante l’incontro di Jacek Rutkowski con i giornalisti, di cui abbiamo scritto qui.

Rutkowski ha riassunto la sconfitta del Lech. “Il dipartimento scouting sa che gli errori hanno raggiunto il limite.”

La velocità è importante

Nils Frederiksen ha sottolineato in molte delle sue dichiarazioni che il Lech deve aumentare l’intensità della partita. Su questo aspetto ha sottolineato il nuovo allenatore dei “Collegors” nel corso della sua breve rivelazione all’inizio della conferenza stampa.

Grazie per la vostra calorosa accoglienza, sono felice di essere qui. È bello vedere così tanti giornalisti alla conferenza stampa, dimostra quanto è grande il Lech e quanto interesse suscita. È uno dei club più grandi della Polonia e gioca un ruolo importante qui. Per me è l’ambiente perfetto, adoro i posti come questo che hanno molta pressione e aspettative. Era simile nel mio posto di lavoro precedente. Conto su una fruttuosa collaborazione nei prossimi anni e non so quanti anni sarà. Sai. Com’è nel mondo del calcio. Il mio contratto è stato firmato per due anni. Possiamo essere d’accordo o in disaccordo, ma conto su un certo livello di cooperazione. Il Lech è un grande club, le aspettative non hanno raggiunto il livello della scorsa stagione e il club non ha ottenuto ciò che voleva. La nostra missione è cambiare questa situazione. Sono venuto qui per vincere trofei e giocare nelle coppe europee. Vedo il Lech come un club che ha una strategia chiaramente definita nella direzione che vuole prendere. È gestito correttamente e ha un’ampia base di fan, forse la più grande in Polonia. Supportano la loro squadra con eccezionale entusiasmo. Adoro lavorare in un ambiente del genere. L’accademia è un ramo molto importante, molti giocatori sono cresciuti qui e dobbiamo concentrarci sullo sviluppo anche in questa direzione – Frederiksen ha spiegato.

READ  I fan di Corona sono venuti negli spogliatoi per parlare di genitorialità

All’allenatore è stato anche chiesto se fosse consapevole di venire in un club con problemi, dove giocano i Big Cats.

– Non vedo problemi così seri. Ho visto i risultati della preparazione fisica e ne sono rimasto soddisfatto. Dobbiamo aumentare l’intensità del gioco e fare più sprint. Credo però che i giocatori di questa squadra abbiano un potenziale enorme e dobbiamo sfruttarlo. Vogliamo tutti che il Lech Poznań appaia al meglio. Forse i problemi della scorsa stagione erano mentali. Secondo la mia osservazione, questa è stata la ragione principale dei problemi del Lech e anche sotto questo aspetto ci concentreremo sul miglioramento della squadra – rispose l’allenatore.

Il danese ha anche sottolineato i grossi problemi che il Lech Poznan ha dovuto affrontare la scorsa stagione nel creare occasioni da gol.

Il Lech ha avuto una media di possesso palla del 58% e ha segnato 1,4 gol a partita. Si è trattato di una scarsa inversione di tendenza e dimostra che dobbiamo concentrarci maggiormente sul calcio dal vivo. Jagiellonia Białystok e Śląsk Wrocław sembravano molto migliori in questo senso. Innanzitutto dobbiamo creare occasioni e questa è la cosa più importante che dobbiamo migliorare – Ha detto Frederiksen.

Problemi relativi al personale

Niels Frederiksen ha confermato le parole del presidente Piotr Rutkowski, il quale ha detto che è probabile che Filip Marchwinski e Christopher Velde dicano addio al club. Per quanto riguarda i prossimi trasferimenti, molto dipenderà da quanti giocatori potranno essere ceduti. Tuttavia, non abbiamo appreso ulteriori dettagli.

Ho avuto l’opportunità di incontrare di persona molti giocatori. Ho visto Partek Salamon prima della partenza per Euro 2024 e Cornel Lesman che è in fase di riabilitazione. Non è un segreto che cerchiamo due ali, un attaccante e un difensore sinistro. Molto dipende dalle vendite. Importante è anche l’introduzione di giocatori in prestito, come Maximilian Bengot, Jakub Antczak, Filip Wilak e Anthony Kozubal. Tuttavia non c’è dubbio che occorre effettuare degli storni. Non sappiamo cosa succederà ai giocatori che se ne andranno. Marchwinski e Velde potrebbero partire. Hanno segnato 18 gol in stagione, dandoci il 38%. Personalmente vorrei lasciarli, ma so com’è la situazione. Dobbiamo sostituirlo correttamente. La competizione per le posizioni è importante per migliorare il livello di gioco dei giocatori – Diagnosi da parte dell’allenatore.

Ha aggiunto: Il mio ruolo nel processo di trasferimento sarà importante. Da diverse settimane parliamo con il presidente Rutkowski, il direttore Rzasa e Jacek Terbiowski dei rinforzi. Il mio ruolo è importante, ma non lo decido da solo. L’acquisizione di un nuovo giocatore deve essere preceduta da un rapporto di scouting e accettazione. Certo, il sogno di un allenatore è avere una squadra pronta per il primo allenamento, ma in queste cose non dipendiamo completamente l’uno dall’altro. Queste sono le nostre decisioni, le decisioni degli altri club, se vogliono vendere qualcuno, e le decisioni del giocatore, se vuole venire da noi. Preferirei che un giocatore di qualità entrasse più tardi piuttosto che uno più debole in un breve periodo di tempo – Ha detto Frederiksen.

READ  Il ritorno di Świątek in Polonia è stato ritardato. Il personale è tornato senza di lei. Conosciamo i piani del tennista

Per quanto riguarda lo staff tecnico, durante la conferenza non abbiamo appreso nulla di nuovo.

– Oggi non conosceremo i nuovi nomi dello staff tecnico. Non è ancora tutto finito, ci stiamo lavorando con Piotr Rutkowski e Thomas Rzesa. L’importante è trovare una persona competente. Ho trascorso alcuni giorni con lo staff attuale e tutti mi hanno lasciato una buona impressione. Ciò vale sia per lo staff tecnico e medico, sia per gli allenatori di preparazione fisica – disse il danese.

L’ultima questione personale sollevata durante la conferenza stampa è stata la situazione sanitaria. Frederiksen ha detto che Dino Hotic e Ali Gholizadeh si alleneranno a tempo pieno dall’inizio del periodo di preparazione. Si prevede che Cornel Lesman sarà pronto in 2-3 settimane e la questione dell’infortunio di Philippe Dagersal è complicata. Da novembre lo svedese manca dalla rosa in ogni partita. Il suo contratto è valido fino al 2025.

Dialetti di Lech

Niels Frederiksen non ha nascosto di conoscere i “Collegors” prima di iniziare a parlare con i rappresentanti del club. Ha annunciato oggi che i colloqui seri tra le due parti non sarebbero iniziati prima di metà aprile e che non ha ricevuto un’offerta per iniziare a lavorare durante la scorsa stagione. Ha anche ammesso che doveva prepararsi adeguatamente per il lavoro e nelle ultime settimane ha cercato di conoscere la città, la società e i tifosi e di diagnosticare correttamente i problemi della squadra.

-Sapevo una o due cose su questo club. Avevo già sentito parlare di lui durante le sue apparizioni in Europa League. Ho visto la partita contro la Fiorentina. Una volta ho allenato un giovane, Christian Gitkjaer, e ho lavorato con Nicky Bill Nielsen, che è molto popolare qui. Il Lech è un club con una strategia ben definita, un club con la più grande base di tifosi in Polonia. Il supporto e le aspettative qui sono enormi. Il Lech ha una sede molto importante, che è l’accademia, e dobbiamo continuare a lavorare in questa direzione. Dobbiamo anche ottenere buoni risultati. Possiamo raggiungere questo obiettivo attraverso uno stile di gioco offensivo. È il calcio alla giusta velocità in campo. Il nostro compito è assicurarci che i tifosi che vengono allo stadio siano entusiasti del nostro gioco e rispondano con entusiasmo a ciò che accade in campo. Ha detto Frederiksen.

Parlando dei tifosi, il nuovo allenatore dei “Collegors” ha toccato anche la frustrazione che li ha colpiti nell’ultima partita, nonché ciò che lo ha fatto arrabbiare personalmente dopo il suo arrivo nella capitale della Grande Polonia.

READ  40 La migliore Ginocchiera da basket del 2022 - Non acquistare una Ginocchiera da basket finché non leggi QUESTO!

I tifosi hanno il diritto di esprimere la propria rabbia e le proprie emozioni. Ciò è del tutto comprensibile. Hanno il diritto di essere insoddisfatti. Il nostro compito è ottenere il loro sostegno. Non possiamo permetterci di perdere contro le piccole squadre, ma nemmeno contro le grandi. Se vinciamo, l’atmosfera migliorerà – ha confermato Frederiksen.

Adoro l’atmosfera dello stadio di Poznań. Ho avuto l’opportunità di assistere alla partita contro il Waratah, c’erano circa 25mila persone e l’atmosfera era fantastica. Mi piace molto quello che sta succedendo qui, così come le infrastrutture del club e dell’accademia a Woronke. Questo è di prima classe. Però non mi piace che le piste ciclabili qui si intersechino con le strade e che le bici arrivino da entrambi i lati. Bisogna aspettare più a lungo al semaforo e tenere gli occhi aperti. In Danimarca non è così Ha aggiunto.

Brentford e Zanzibar cioè Hyde Park

C’erano anche argomenti più divertenti, come la storia di un viaggio intorno al mondo o la spiegazione delle differenze culturali tra Polonia e Danimarca. La sala riunioni si è poi trasformata in una sala sociale conviviale ed era chiaro che Frederiksen, in quanto allenatore, non aveva problemi a sollevare tali questioni.

Molti di voi sanno che non ho lavorato come allenatore nell’ultimo anno e mezzo e ho le mani un po’ legate. Avevo un contratto di 8 mesi, poi viaggiavo e cercavo ispirazione. Ero in Sud Africa con un mio amico che è associato ad una grande squadra di calcio. Ero in uno dei parchi nazionali per vedere la bellezza della natura. Sono rimasto stupito da Zanzibar e sorpreso dalle cose belle che il nostro pianeta ha da offrire. Ho viaggiato per lavoro negli ultimi mesi. Ero a Brentford da Thomas Frank. Lavoravamo insieme, l’ho assunto e sono orgoglioso che sia arrivato fin qui. Ora, dopo un anno e mezzo di pausa, sono pronto per iniziare a lavorare… Ha detto Frederiksen.

Mi stai chiedendo delle differenze culturali, ma non è un problema. Non ho lavorato fuori dalla Danimarca, ma ho lavorato con giocatori provenienti da molti paesi e parti del mondo. La mia missione è scoprire queste differenze. Forse proverò a imparare il polacco. Tuttavia, questa non è la mia priorità. Lo imparerò più tardi, ma prima voglio che la squadra faccia bella figura. Grazie! – Alla fine il nuovo allenatore del Lech Poznań ha riassunto le sue ampie argomentazioni in parole polacche.

Altro sta arrivando:

piede. Neolingua

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto