Fidesz non aderirà all’ECR

Il primo ministro ungherese Viktor Orbán ha annunciato lunedì che il suo partito Fidesz non si unirà ai conservatori e riformisti europei come membro del Parlamento europeo dopo un incontro a Roma con il capo del governo italiano, Giorgia Meloni. Questo perché a questo gruppo si è unita la formazione anti-ungherese proveniente dalla Romania.

Tre giorni prima del vertice UE a Bruxelles e prima della presidenza semestrale ungherese del 1° luglio, i capi dei due governi hanno discusso della divisione dei poteri politici nell’UE e nel nuovo Parlamento europeo.

In conferenza stampa congiunta con la Meloni, dopo un colloquio di un’ora e mezza, il premier ungherese ha accennato al futuro dei due gruppi al Parlamento europeo: “Non parliamo di questioni partitiche, perché l’abbiamo già chiusa Lunedì scorso a Bruxelles siamo guidati dalla politica nazionale, di cui fa parte anche il partito anti-ungherese romeno. Abbiamo anche spiegato che non possiamo far parte della famiglia politica”. Si è riferito così alla Coalizione di estrema destra per l’unità dei romeni.

Orban ha aggiunto: “Anche se non siamo nello stesso gruppo, siamo impegnati a rafforzare i partiti europei di destra”.

Riferendosi alla questione attualmente dibattuta della distribuzione dei posti più importanti nell’Ue, il primo ministro ungherese ha detto: “Il piano iniziale dell’Ue non era così”; “È destinato a includere tutti, grandi e piccoli.”

Adesso “questa è una strada insostenibile; non possiamo sostenere l’attuale accordo politico nelle posizioni chiave”, ha aggiunto.

Orban ha detto di aver parlato con il primo ministro italiano anche dell’immigrazione clandestina.

Si è rivolto a Georgia Meloni: “Voi siete vicini all’Africa, ma arrivano anche da noi gli immigrati. Nei prossimi 20 anni la popolazione dell’Africa aumenterà di 750 milioni di persone, ovvero il doppio della crescita demografica dell’Europa”.

READ  Eurovision 2024: l’Italia torna tra le favorite

“O ci sarà un piano di sviluppo per l’Africa, oppure ci saranno migrazioni di massa che non potremo gestire”, ha affermato. Come ha ricordato, il suo governo sostiene tutto ciò che il Primo Ministro italiano propone per l’Africa e il suo sviluppo.

Poco prima di assumere la presidenza semestrale del Consiglio dell’Unione europea, ha definito una “vergogna” che i Balcani occidentali abbiano aspettato più di 15 anni per aderire all’UE.

“Penso che sia inaccettabile, diciamo +sì+ o +no+”, ha detto.

Il primo ministro Meloni ha sostenuto le priorità del presidente ungherese, comprese le misure per porre fine alla crisi demografica e, come ha affermato, “un nuovo approccio alla politica agricola”, la lotta ai trafficanti di migranti e la protezione delle frontiere esterne dell’UE.

Ha anche detto che l’argomento della loro conversazione era la guerra in Ucraina.

“Le nostre posizioni non sono sempre coerenti, ma apprezzo la posizione dell’Ungheria nell’UE e nella NATO, che permette agli alleati di prendere decisioni importanti anche senza accordo”, ha spiegato.

“Abbiamo ribadito il nostro sostegno all’indipendenza e alla sovranità dell’Ucraina”, ha detto Meloni.

Silvia Vysocca di Roma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto