Esperto: Finora non c'è stata alcuna trasmissione del virus dell'influenza aviaria tra gli esseri umani

Il virus dell’influenza aviaria muta molto rapidamente. Il professore biologo ha detto alla PAP che non si può escludere che cominci ad adattarsi all'uomo o che causi sintomi di malattie più gravi. Agnieszka Szuster-Ciesielska. Ha confermato che finora non è stato registrato alcun caso di trasmissione di questo virus tra esseri umani.

Il microbiologo è stato interrogato dal PAP sugli ultimi rapporti sulla scoperta del virus dell'influenza aviaria nei bovini negli Stati Uniti e sul primo caso di trasmissione H5N1 da mucca a uomo in Texas.

“Ciò che mi preoccupa di più è che il virus dell'influenza aviaria AH5N1, emerso dall'anno scorso, può attraversare le barriere tra le specie e infettare molte specie di mammiferi. Ci sono già stati casi di infezione, tra gli altri: tra roditori, gatti, leoni marini, foche Il professor Hans ha detto: “Diversi focolai si sono verificati negli Stati Uniti nelle mucche da latte e nei polli”, ha detto Szoster Ciesielska.

Ha affermato che negli Stati Uniti sono stati registrati due casi di trasmissione di questo virus da bestiame infetto all'uomo. È stato inoltre dimostrato che il virus dell'influenza aviaria H5N1 si diffonde più ampiamente negli allevamenti di bestiame, il che significa che il virus potrebbe adattarsi di conseguenza. L’esperto ha aggiunto: “Era simile in altre specie di mammiferi, poiché veniva trasmesso anche da un individuo all’altro”.

La professoressa ha sottolineato che è necessario monitorare la situazione, ma – secondo lei – non bisogna farsi prendere dal panico, perché tra i sintomi comparsi sulle persone infette c'era anche la congiuntivite.

Ha sottolineato che le persone che lavorano con gli animali sono maggiormente a rischio di contrarre il virus dell'influenza aviaria. Per proteggersi devono indossare, ad esempio, maschere e occhiali. “Il virus dell'influenza aviaria muta molto rapidamente. Non si può escludere che possa iniziare ad adattarsi all'uomo o causare sintomi più gravi”, ha osservato l'esperto.

READ  Tornerà l'apprendimento a distanza a Przemyśl? Confermata la risposta del consiglio comunale

Ha spiegato che il virus può essere trasmesso dal bestiame all'uomo principalmente attraverso il sistema respiratorio, ma anche indirettamente, ad esempio toccando superfici contaminate da secrezioni. “Poi può entrare nel corpo strofinando gli occhi o il naso con una mano contaminata”, ha osservato il professore. Zoster Ciesielska.

Parlando di prevenzione, lei ha sottolineato che la vaccinazione contro l'influenza stagionale regolare non ha importanza se una persona è infettata dal virus dell'influenza aviaria. “Il vaccino antinfluenzale attualmente prodotto prende di mira i virus umani che circolano in una particolare stagione. Tuttavia, il virus dell'influenza aviaria ha diversi antigeni di superficie. Pertanto, non si può dire che il vaccino antinfluenzale umano ci proteggerà dall'influenza aviaria.”

Interrogata sulla possibilità di creare un vaccino per l'uomo contro l'influenza aviaria, ha sottolineato che grazie al metodo dell'mRNA sarebbe possibile produrlo su larga scala molto rapidamente. “Inoltre, è molto semplice modificare questi antigeni in base alle proprie esigenze. Se c'è il pericolo di una pandemia, siamo in grado di produrre un vaccino del genere in tempi relativamente brevi”, ha aggiunto il professore.

Ha sottolineato che dopo aver vissuto l'epidemia di Corona bisogna tenere conto della possibilità che si verifichino altre epidemie. “Questo dovrebbe insegnarci ad adottare un approccio razionale e a utilizzare le risorse a nostra disposizione”, ha affermato.

I casi di infezione da virus dell'influenza aviaria negli animali sono monitorati dai servizi veterinari in Polonia. Il biologo ha osservato che se fosse probabile che si verificassero infezioni umane, sarebbero necessari test diffusi negli studi medici, come è accaduto all’inizio della pandemia di Covid-19.

READ  Potrebbe essere stata un'esplosione di kilonio. "Per la prima volta cerchiamo qualcosa di nuovo e insolito"

Il principale serbatoio del virus dell’influenza aviaria sono gli uccelli, in particolare quelli acquatici. Non è pericoloso per loro perché si trova nel sistema digestivo, anche se può portare alla morte negli individui più deboli. Le prime infezioni umane si sono verificate negli anni ’90 in Asia. Dal gennaio 2003 al 25 marzo 2024, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha registrato 888 casi di influenza aviaria H5N1 tra gli esseri umani in tutto il mondo, di cui 10 persone sono morte.

“Il virus può essere trasmesso agli esseri umani e casi simili si verificano spesso nell'Asia meridionale e, inaspettatamente, in Egitto. Questi casi sono spesso molto gravi, perché oltre ai sintomi tipici dell'influenza stagionale umana, si verifica anche un fallimento”, disse il biologo Pericoloso per le vie respiratorie.

Ha detto che il tasso di mortalità tra gli esseri umani a causa del virus dell'influenza aviaria è molto alto, raggiungendo il 50-70%. Il professore ha sottolineato che “il virus dell'influenza aviaria comparso nell'uomo è stato ottenuto direttamente, ad esempio da polli infetti, ma finora non è stato registrato alcun caso di trasmissione di questo virus tra esseri umani”. Zoster-Ciesielska.(PAP)

La scienza in Polonia, Gabriela Bogacek

ha dato /bar /ws/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto