Esperti: le regioni della tundra e della taiga soffriranno più di altre a causa dei cambiamenti climatici

Nei prossimi 500 anni le foreste della taiga e della tundra potrebbero soffrire di più a causa dei cambiamenti climatici, secondo una nuova ricerca internazionale. Gli scienziati dimostrano che molte specie migreranno in queste aree nei prossimi decenni e secoli.

La taiga, o foreste boreali che si trovano nell’Asia settentrionale, nel Nord America e in Europa, e gli ecosistemi della tundra priva di alberi delle regioni artiche e subartiche, potrebbero essere tra le aree più colpite dai cambiamenti climatici nei prossimi 500 anni. Questo è quanto emerge da una ricerca pubblicata sulla rivista Pubblicazioni della Royal Society.

Scienziati delle Università di York, Leeds e Oxford (Regno Unito), nonché dell’Università di Montreal (Canada) e del Politecnico federale di Zurigo (Svizzera), hanno condotto modelli climatici su larga scala, assumendo diverse concentrazioni di anidride carbonica nell'atmosfera. Il clima nei prossimi decenni e secoli. I ricercatori volevano valutare l’impatto dei cambiamenti climatici sugli ecosistemi della Terra entro il 2500.

Queste sono previsioni che coprono il futuro più lontano finora. La maggior parte dei modelli climatici sono fissati fino all’anno 2100. Gli autori del presente studio si sono proposti di esaminare proiezioni a lungo termine, che forniscono un quadro globale di quanto bene gli esseri umani, gli animali e le piante saranno in grado di adattarsi ai cambiamenti climatici nei prossimi anni. decenni e secoli. . Questo è importante per molte specie, tra cui: Alberi longevi che necessitano di diverse centinaia di anni per adattarsi.

I modelli climatici di 500 anni mostrano che gran parte della foresta boreale, la foresta più settentrionale della Terra, potrebbe essere seriamente colpita dai cambiamenti climatici. Come la tundra: regioni artiche e subartiche prive di alberi.

READ  Un buco nero in orbita accanto ad esso - "completamente inaspettato"

I ricercatori hanno già trovato diverse piante invasive che compaiono nella tundra. Solo pochi decenni fa, queste aree erano troppo fredde per loro, ma con il riscaldamento del clima, sempre più specie esotiche stanno migrando lì.

Gli autori dello studio hanno sottolineato che, a meno che le emissioni di gas serra non vengano fermate rapidamente, alcune delle aree più calde della Terra diventeranno troppo calde per gli esseri umani e molte specie animali e vegetali. Quelli che non riusciranno ad adattarsi alle nuove condizioni saranno costretti a migrare verso luoghi più freddi o si estingueranno. I ricercatori notano che stiamo già iniziando a osservare migrazioni di animali e piante su una scala senza precedenti.

“Sappiamo già che alcuni aspetti del cambiamento climatico sono inevitabili. Ciò richiederà a molti organismi di adattarsi alle nuove condizioni; ma la portata del cambiamento dipenderà ancora da noi. Le proiezioni precedenti hanno raggiunto il 2030 e il 2050 – e queste date sono state incluse nel obiettivi”, ha affermato il dottor Christopher Lyon, della Scuola di Ambiente e Geografia e del Centro per la Biodiversità dell’Università di York, è l’autore principale dello studio.

Ha aggiunto: “Se guardiamo al futuro – un futuro che i nostri nipoti dovranno affrontare – vediamo che c'è una grande differenza tra i tassi di cambiamento climatico e la migrazione delle specie. Ad esempio, gli alberi migrano molto più lentamente degli uccelli e dei mammiferi. Questo porterebbe, tra le altre cose, a “E altre cose, degrada le foreste boreali. “Di conseguenza, gli ecosistemi che si sono formati lì dopo il ritiro dei ghiacciai circa 12.000 anni fa cambieranno radicalmente.”

L’esperto di biodiversità ha inoltre avvertito che la gamma e il numero di specie che non riescono ad adattarsi ai cambiamenti climatici o a spostarsi verso altri habitat diminuiranno radicalmente. “Molte specie potrebbero estinguersi completamente”, ha detto lo scienziato.

READ  Un gigantesco buco nell’Antartide grande quanto la Svizzera. C'è una spiegazione

Lo studio ha confermato che la regione della taiga ha attualmente una bassa densità di popolazione, ma i cambiamenti ambientali potrebbero significare un aumento della migrazione di persone verso queste aree, il che aumenterà l’impatto negativo sugli ecosistemi locali.

I ricercatori hanno anche preso in considerazione gli aspetti politici del riscaldamento globale. La migrazione di massa verso le regioni più fredde della Terra richiede una cooperazione internazionale globale, che – a loro avviso – sembra improbabile alla luce degli attuali conflitti e divisioni.

“Le previsioni a lungo termine evidenziano la portata dei cambiamenti che dobbiamo affrontare, in particolare i nostri figli e nipoti, anche negli scenari più ottimistici sui cambiamenti climatici. Oggi dobbiamo iniziare a pensare seriamente a ciò di cui abbiamo bisogno per raggiungere questo obiettivo”, ha osservato il dottor Lyon. . Vivi in ​​un mondo giusto e sicuro.” (PAP)

Anna Bojaska

cenere/barra/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto