Corona virus in Polonia. Nuovi casi. Voltaire Groska ha fornito i dati

Il viceministro della salute Voltaire Kroska afferma che sono stati confermati 14.415 nuovi casi di coronavirus. Si tratta di una diminuzione del 2% da settimana a settimana, il che significa che stiamo “raggiungendo una certa stabilizzazione”, ha osservato.

Voldemort Kroska ha aggiunto che più di 200 persone sono morte a causa del governo-19. Il viceministro della Salute era presente come ospite di Radio Jedinga mercoledì mattina.

Una settimana fa, il 2 marzo, il ministero della Salute ha segnalato 14.737 nuovi contagi e la morte di altri 277 pazienti.

Voltaire Crosca nel COVID-19: le vittime della variazione delta muoiono

“La buona notizia è che il numero di ricoveri ospedalieri sta diminuendo ogni giorno. Oggi sono meno di 9.000”, ha detto.

Vedere: Ukasz Schreiber: Fondo di assistenza ai rifugiati PLN 8 miliardi

Ha precisato che la password “distanza, mascherina disinfettante” è ancora valida.

Alla domanda su coloro che sono morti per la malattia di Govt-19, ha sottolineato che erano della variante delta. Ha aggiunto: “Guardando al limite di età, quasi l’80% di loro ha più di 75 anni”.

Kraska: Più di 500.000 bambini dall’Ucraina in Polonia

A Waldemar Kraska è stato chiesto delle sfide poste dai rifugiati che arrivano all’assistenza sanitaria dall’Ucraina. Il ministero della Salute ha fatto una campagna per un vaccino contro il Covid-19, tuttavia “non c’è molta eccitazione”, quindi ha assicurato che il numero di nuovi contagi da coronavirus potrebbe aumentare.

– In Ucraina, il tasso di vaccinazione era del 35%. Abbiamo aperto campi di vaccinazione o autobus di vaccinazione in tutti i luoghi dove ci sono rifugiati, ha detto.

READ  Svolta in Antartide. Gli scienziati lo hanno mostrato al mondo - o2

Vedere: Guerra in Ucraina. In una lettera ai media di Olena Zhelenska

Il viceministro della salute ha dichiarato che attualmente ci sono più di 500.000 persone in Polonia. Bambini dall’Ucraina. Ha sottolineato che il vaccino contro le infezioni infantili non era ampiamente disponibile in Ucraina. Ecco perché stiamo fornendo gratuitamente vaccini contro la poliomielite, la rosolia e il morbillo “, ha affermato.

Al politico è stato anche chiesto se il servizio sanitario polacco potesse resistere all’arrivo dei profughi. – Dobbiamo essere uniti con i nostri amici oltre la frontiera orientale. Aiutiamo il più possibile, è nostro dovere – ha affermato il politico e ha affermato che possiamo donare sangue e plasma all’Ucraina per i combattenti polacchi.

Per saperne di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.