Apple ha spinto il Nasdaq a un nuovo massimo storico

A volte è difficile tenere il passo con un investitore americano. Ieri sera, i cani sono stati inchiodati sul “nuovo” prodotto Apple e accusati di essere di qualità inferiore e di grave violazione della privacy degli utenti. Lunedì le azioni Apple sono scese di quasi il 2%. Ma mercoledì è aumentato del 7,26% perché i media statunitensi hanno considerato il matrimonio di ChatGPT e Siri una grande idea.

La stessa Apple, con un piccolo supporto da parte di altre grandi società tecnologiche (le azioni Meta, Microsoft e Google sono aumentate dallo 0,8 allo 0,9%), è stata sufficiente per spingere l’S&P 500 e il Nasdaq verso nuovi massimi rialzisti. Martedì il primo ha guadagnato lo 0,23% e ha raggiunto 5.375,32 punti. L’indice Nasdaq Coposit è salito dello 0,88% e ha chiuso a 17.343,55 punti. Tuttavia, già privato del ruolo dominante dei colossi tecnologici, il Dow ha perso lo 0,31% ed è crollato a 38.474,42 punti.

Superare nuovi massimi significa che per ora possiamo dimenticare la correzione di Wall Street. I timidi tentativi di abbassare gli indici newyorkesi osservati in aprile sono stati immediatamente contrastati. L’indice S&P 500 ha chiuso in positivo in 6 degli ultimi 7 mesi.

Mercoledì metterà alla prova l’ottimismo a Wall Street. Innanzitutto conosceremo le statistiche sull’inflazione del CPI per maggio, che, secondo gli economisti, è rimasta al livello del 3,4%. È più che probabile che la Fed avvierà presto i tanto attesi tagli dei tassi di interesse. È certo che il Federal Open Market Committee non modificherà i tassi di interesse nella riunione di mercoledì. Ma alcuni investitori potrebbero segretamente sperare che Powell & Co. facciano marcia indietro e suggeriscano in qualche modo che almeno un taglio potrebbe essere effettuato nella seconda metà dell’anno. Speriamo che non commettano errori nei calcoli.

READ  GTA 5 per PS5 e XSX | S in dettaglio. 3 modalità, tanti miglioramenti e "eccellente qualità" con 4K e RT

I calcoli di FedWatch mostrano che le probabilità di un taglio dei tassi sui fondi Fed a settembre sono circa del 52%. Tuttavia, la probabilità di un taglio entro novembre è stimata intorno al 70%, mentre a dicembre c’è quasi il 50% di probabilità di un secondo taglio. Ricordiamo solo che a gennaio lo stesso mercato scontava sei o addirittura sette tagli da 25 punti base ciascuno. Tutto. Finora non ne ha ottenuto uno.

autore

Krzysztof Colanyi

Analista capo presso Bankier.pl

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto