Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Agrigento, accusato di tentata violenza sessuale su una turista: rinviato a giudizio

Agrigento, accusato di tentata violenza sessuale su una turista: rinviato a giudizio

Ha provato a convincere una giovane turista svizzera, a cui aveva dato un passaggio alla Scala dei Turchi, a praticargli sesso orale. Lei si è rifiutata, si è ribellata, e assalita dalla paura, con il telefono cellulare ha inviato un messaggio WhatsApp, con richiesta di aiuto, ad un’amica, e proprio quest’ultima ha dato l’allarme. Il Gup del Tribunale di Agrigento, Alessandra Vella ha rinviato a giudizio Davide Giuseppe Medico, 45 anni, di San Cataldo, ma residente ad Agrigento, con l’accusa di tentata violenza sessuale. L’imputato è difeso dall’avvocato Annalisa Russello. Il dibattimento è in programma il 16 giugno davanti ai giudici della seconda sezione penale del Tribunale di Agrigento, presieduta da Wilma Angela Mazzara.

La turista svizzera, che ha denunciato i presunti tentativi di abusi non si è costituita parte civile. La vicenda risale al 22 ottobre di due anni fa, quando si erano perse le tracce della ragazza, e per alcune ore aveva fatto temere il peggio. Poi ritrovata in stato confusionale nelle vicinanze della Scala dei Turchi. L’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica, è stata condotta sul “campo” dai carabinieri del Comando provinciale di Agrigento. Ricostruita la dinamica dal momento dell’adescamento della giovane, avvenuto alla fermata dell’autobus, in piazza Marconi, al successivo passaggio in auto, fino ai fatti accaduti durante il percorso, verso il sito di Realmonte.

Secondo quanto dichiarato dalla giovane ai carabinieri, all’improvviso quel tipo gentile, avrebbe iniziato ad allungare le mani, e in primo momento non l’ha stava portando dove era diretta. Prima alcune avances, poi avrebbe cercato di portare una mano dietro la testa della ragazza, per costringerla a praticargli un rapporto orale. Lei si è subito rifiutata, e senza essere vista ha inviato un messaggio ad un’amica in Svizzera, con tanto di richiesta d’aiuto.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su