Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Inchiesta antidroga “Fortino”, chieste cinque condanne

Inchiesta antidroga “Fortino”, chieste cinque condanne

Venivano impiegati anche i minori, soprattutto bambini sotto i dieci anni, per riuscire a eludere i controlli delle forze dell’ordine, e in qualche occasione per nascondere la droga. E’ quanto emerso dall’inchiesta “Fortino”, su un vasto giro di spaccio di sostanze stupefacenti nel centro storico di Favara, nell’ambito della quale il 4 luglio del 2019, i carabinieri della Tenenza di Favara hanno eseguito 6 arresti (quattro uomini e una donna favaresi, e un extracomunitario).

Il procuratore generale Sergio Barbiera ha chiesto la conferma delle condanne inflitte in primo grado a cinque imputati. Il processo si sta celebrando davanti ai giudici della prima sezione penale della Corte d’Appello di Palermo. Le richieste: 7 anni e 6 mesi di reclusione per Emanuele Di Dio, 42 anni; 6 anni per Salvatore Stagno, 47 anni; 3 anni e 4 mesi per Massimo Crapa, 46 anni; 3 anni e 4 mesi per Rosario Crapa, 31 anni, e 4 anni e 2 mesi per Abass Bukary, 26 anni.

Due le zone del centro storico, fra palazzine diroccate ed abbandonate, in cui venivano smerciati eroina e  hashish: in via Reale spacciava il gruppo locale, in via San Nicolò il giovane immigrato.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su