Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Omicidio anziano a Palma di Montechiaro, badante resta in carcere

Omicidio anziano a Palma di Montechiaro, badante resta in carcere

Il Gip del Tribunale di Agrigento, Luisa Turco, non ha convalidato il fermo, ma ha applicato lo stesso la misura cautelare in carcere, per la badante ventiseienne della Romania, Nicoleta Mihaela Dana Chita, conosciuta da tutti con il nome di Emmy, accusata della rapina, e omicidio dell’89enne pensionato di Palma di Montechiaro, Michelangelo Marchese.

Durante l’interrogatorio, è rimasta in silenzio, e si è avvalsa della facoltà di non rispondere. Le ipotesi di reato contestate sono: omicidio volontario aggravato e rapina. E’ difesa dall’avvocato Angelo Asaro. La giovane resta detenuta nella Casa circondariale “Pasquale Di Lorenzo” di Agrigento.

L’anziano sarebbe stato soffocato, e ucciso, durante una rapina in casa, finita male. La ragazza rumena è stata tradita dall’auto portata via, e consegnata ad un conoscente pregiudicato di Canicattì, e dalle impronte lasciate su un mobile della camera da letto della vittima. La 26enne era stata assunta appena 24 ore prima del delitto.

A fare luce sulla vicenda le indagini dei carabinieri del Reparto Operativo di Agrigento, e dei loro colleghi della Compagnia di Licata, coordinati dal procuratore capo Luigi Patronaggio e dal sostituto procuratore Chiara Bisso. Adesso si cercano i complici della donna. (Nella foto la conferenza stampa).

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su