Tu sei qui
Home > Politica > Scuola e procedure anti-Covid. Zambuto: “E’ una situazione inaccettabile”

Scuola e procedure anti-Covid. Zambuto: “E’ una situazione inaccettabile”

Giovedì 24 settembre si torna tra i banchi di scuola dopo il lockdown e la stagione estiva. Marco Zambuto, tramite il comunicato di un preside, ricorda che l’avvio ufficiale dell’anno scolastico prevede la presenza di tutti i docenti il primo giorno di scuola, indipendentemente dagli orari o dalle classi assegnate. Sarà una vera e propria cerimonia di “bentornati” agli studenti, ma ad oggi regna la più totale incertezza sulle norme anti-Covid in ambito locale. L’amministrazione in carica, infatti, non ha ancora comunicato nulla, in tal senso, ai dirigenti scolastici che si ritrovano senza alcun riferimento o vademecum da seguire.

“Non è una condizione che si può accettare – ha detto Zambuto – nonostante si voglia mettere tutta la buona volontà nel comprendere le oggettive difficoltà nel fronteggiare una situazione del genere. Ma è pur vero che bisognava essere previdenti ed agire con largo anticipo per preparare adeguatamente famiglie, ragazzi, docenti e addetti ai lavori. Invece mancano solo 3 giorni all’inizio delle lezioni e il Comune è assente, in totale silenzio, lasciando allo sbando un’intera popolazione scolastica. Invito i dirigenti scolastici – e contestualmente lo faccio con loro – a sollecitare e richiamare all’attenzione un’amministrazione distratta, che fornisca al più presto tutte quelle indispensabili indicazioni per consentire lo svolgimento delle attività in piena sicurezza. Non possiamo permetterci di mettere a repentaglio la salute di bambini e ragazzi, comprese le loro famiglie”.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su